Tumore per uso prolungato del cellulare: riconosciuta al lavoratore una rendita

Confermata in appello la sentenza del Tribunale di Aosta a favore di 63enne, tecnico specializzato delle Cogne Acciai Speciali, ora in pensione. L'Inail dovrà pagargli una rendita di 400 euro al mese per malattia professionale.
social media, network, cellulare, telefono, iphone
Cronaca

Dopo il Tribunale di Aosta anche la Corte d’Appello di Torino conferma il nesso causale tra l’utilizzo del cellulare e l’insorgenza del tumore in un 63enne, tecnico specializzato delle Cogne Acciai Speciali, ora in pensione.

Secondo i giudici di secondo grado esiste, infatti, “un’elevata probabilità” che a causare il tumore sia stato il cellulare.  Fra il 1995 e il 2008 il dipendente della Cas ha usato, per motivi di lavoro, il telefonino per più di diecimila ore, con una media di 2 ore e mezza al giorno. L’utilizzo prolungato avrebbe causato un tumore benigno intracranico e una conseguente “sordità sinistra, paresi del nervo facciale, disturbo dell’equilibrio e sindrome depressiva”.

La sentenza d’appello conferma così la condanna dell’Inail a pagare la rendita di 400 euro mensili per malattia professionale al lavoratore.

A rappresentare l’uomo gli avvocati Stefano Bertone, Chiara Ghibaudo e Jacopo Giunta dello Studio Ambrosio & Commodo che intervistati dall’Ansa spiegano: “Si tratta di una sentenza importante scritta da scienziati fra scienziati, in cui il ruolo dei giuristi è stato marginale, e che dimostra che le radiofrequenze possono causare un tumore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte