Un vigile urbano di Saint-Rhemy-en-Bosses perde la vita sull’autosole vicino a Parma

Flavio Real, di 41 anni, ha scavalcato il guard-rail ed è finito nella corsia di sorpasso dell’autosole, all’altezza di Parma, dov’è stato travolto e ucciso L'uomo stava tornando a casa con un pullman della Cisl da Roma.
Cronaca

Ha scavalcato il guard-rail ed è finito nella corsia di sorpasso dell’autosole, all’altezza di Parma, dov’è stato travolto e ucciso. Flavio Real, di 41 anni, vigile urbano a Saint-Rhémy en Bosses è morto la notte scorsa a Parma. L’uomo stava tornando a casa con un pullman della Cisl da Roma dove aveva partecipato alla manifestazione indetta dal sindacato.

Il gruppo di valdostani si era fermato all’area di sosta Corte San Martino per un caffè, quando Real ha scavalcato il guard-rail che porta all’autostrada.  “Poco dopo le 23 – racconta Giancarlo Barucco della Cisl – ci siamo fermati a Parma per bere il caffè. Avevamo mangiato a Barberino del Mugello. Flavio, prima di tornare al pullman, è sceso alle toilette assieme a un’altra ragazza. Lei non lo ha visto uscire e pensava fosse già uscito. Non vedendolo neppure al pullman siamo tornati a cercarlo. Abbiamo trovato due bagni chiusi, e così abbiamo pensato che si fosse sentito male. Abbiamo chiesto di aprirli, ma erano vuoti. A quel punto non sapevamo più cosa pensare. Lo abbiamo cercato ovunque, nel piazzale c’erano alcuni Tir fermi, pensavamo fosse lì dietro ma niente’’.

A quel punto gli amici hanno visto la polizia stradale avvicinarsi. “Abbiamo visto la stradale che andava in contromano – continua Barucco – e un agente che faceva dei gesti. Mi sono avvicinato per capire cosa stava accadendo. Non ho subito capito che si trattava di Flavio. Anzi. Ho però spiegato all’agente che non trovavamo più un nostro amico e lui mi ha chiesto di descriverlo. Purtroppo coincideva. Un altro ragazzo che era con noi, che fa il vigile del fuoco, lo ha poi identificato. Una tragedia che non ci riusciamo a spiegare. Fino a poco prima abbiamo riso tutti insieme, era allegro. Non capiamo cosa possa essere successo’’.

Per finire in autostrada, Flavio Real ha dovuto non solo attraversare tutto l’autogrill, ma anche un piccolo prato, un fossato e scavalcare un guard-rail. Le auto sulla corsia di sorpasso non hanno potuto fare nulla per evitarlo. “Non lo abbiamo proprio visto – hanno raccontato agli agenti i due uomini che lo hanno investito – non abbiamo neppure capito subito che si trattava di un uomo. Ci siamo subito fermati e abbiamo chiamato i soccorsi’’. La dinamica dell’incidente è ora al vaglio della polizia stradale di Reggio Emilio. Flavio Real lascia la mamma e un fratello.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte