Una raccolta fondi per la popolazione del Marocco colpita dal terremoto

L’iniziativa nasce a seguito di un incontro tenutosi oggi, martedì 12 settembre, tra il Csv, la Lega Islamica della Valle d’Aosta, alcuni rappresentanti della comunità marocchina e la Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta.
Terremoto in Marocco Marrakech - Foto Jean Frassy
Cronaca

Una raccolta fondi, a sostegno della popolazione colpita dal violento terremoto in Marocco, è stata lanciata – a seguito di un incontro tenutosi oggi, martedì 12 settembre – dal Csv, con la Lega Islamica della Valle d’Aosta, alcuni rappresentanti della comunità marocchina e la Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta. Una iniziativa che nasce dall’apprensione indotta dalla catastrofe nel mondo del volontariato valdostano e nei maghrebini residenti sul territorio valdostano.

Si tratta infatti, nella nostra regione, di una comunità ampia, la seconda dopo quella romena, per numero assoluto di persone, pari al 18.9% della popolazione straniera regionale, per un totale di 1.600 persone circa. I fondi raccolti, grazie alla generosità dei valdostani, saranno gestiti da un Comitato che individuerà attentamente, ma in tempi rapidi, le situazioni di emergenza che necessitano di interventi.

Il sostegno economico sarà rivolto a progetti mirati a favore di comunità e villaggi di montagna per il tramite di associazioni locali verificate, aiuti quindi privati che non incontreranno il limite, per ora temporaneo, posto dal governo marocchino e indirizzato agli aiuti pubblici da altri Stati.

“Le popolazioni più̀ duramente colpite, dove si registra anche il bilancio più̀ catastrofico per numero di vittime, feriti e villaggi distrutti, sono quelle residenti lungo la catena montuosa dell’Atlante. Da comunità̀ di montagna, consci delle difficoltà che queste persone stanno vivendo e dovranno affrontare nei prossimi mesi, abbiamo sentito il dovere di lanciare una mobilitazione nel segno della solidarietà̀ tra genti di montagna, abituate a spendersi e a soccorrere chi si trova in pericolo in un territorio difficile” è il commento congiunto di Claudio Latino, Presidente del CSV, di Patrik Vesan, Segretario generale della Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta e di Mohamed Chaib, presidente della Lega Islamica in Valle d’Aosta.

Le persone interessate possono versare sul conto corrente intestato alla Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta presso la BCC Valdostana (IBAN IT53 Q 08587 01211 000110150701) indicando la causale “Terremoto Marocco”. È possibile anche versare con carta di credito sul sito della Fondazione comunitaria www.fondazionevda.it (sempre indicando la causale Terremoto Marocco).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte