Cronaca

Ultima modifica: 4 Febbraio 2019 12:03

Valanga sotto la punta Oilletta, morto scialpinista

Aosta, Saint-Pierre - Il distacco si è verificato attorno alle 13.45 di oggi, domenica 3 febbbraio. Illesi due compagni che erano con la vittima, già trasportati a valle dall'elisoccorso. L'incidente a quota 2.500, a monte di Saint-Nicolas.

valanga a Punta Oilettavalanga a Punta Oiletta

Andrea Poggi, 44 anni, residente a Milano è morto travolto da una valanga, staccatasi attorno alle 13.45 di oggi, domenica 3 febbraio, sotto la punta Oilletta (nel comune di Saint-Pierre), a circa 2.500 metri di quota dove stava facendo scialpinismo.

Illesi i due compagni che erano con lui, trasportati in aeroporto dall’elisoccorso, dove hanno ricevuto supporto psicologico. A breve, saranno sentiti dal Soccorso Alpino della Guardia di finanza di Entrèves, competente per la ricostruzione dell’accaduto.

Scattato l’allarme, la zona è stata raggiunta da tecnici specializzati del Soccorso Alpino Valdostano e unità cinofile. La scarsa visibilità, unita al forte vento che soffia in quota, ha obbligato l’elicottero “Sierra Alfa 1” a sbarcarli a valle del distacco.

Chiuse le operazioni di ricerca, con l’individuazione dei superstiti e del corpo della vittima, sul luogo sono intervenute anche le Fiamme gialle del Sagf, per le operazioni di identificazione e riconoscimento. La salma di Andrea Poggi è stata composta nella camera mortuaria di Courmayeur, dove viene sottoposta all’esame del medico legale.

Per oggi, il pericolo valanghe era classificato dal bollettino regionale come “3-marcato” (su 5), su tutta la Valle, con condizioni comunque “molto diverse a seconda delle zone”. Sul versante settentrionale, quello della zona dell’incidente, il rischio era individuato nel “vento moderato/forte da nord”, che “trova molta neve soffice da trasportare” (viste le precipitazioni abbondanti tra giovedì e ieri), favorendo così la formazione rapida di “grandi e estesi accumuli”.

Dai primi riscontri dei soccorritori, la valanga è caduta per circa 200 metri e l’ipotesi al momento maggiormente accreditata quale causa del distacco è proprio la rottura di una “placca di neve” spostata dalle correnti in quota.

valanga a Punta Oilletta
La valanga a Punta Oilletta
Tag:

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>