Al via la valorizzazione della strada consolare delle Gallie

La Giunta regionaleha approvato il progetto nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia-Svizzera 2007-2013. Prima fase di studio da 226mila euro.
STRADA ROMANA - Tratto viario di Donnas Arco Tagliato Nella roccia
Cultura

Il ponte romano di Pont-Saint-Martin, il tratto di viabilità scavato nella roccia a Donnas, i resti del ponte romano di Saint-Vincent, le costruzioni di Mecosse e il ponte di Pierre Taillé, nonché i resti del ponte di La Thuile e di Pont Serrand o la strada intagliata nella roccia del Gran San Bernardo. Quante testimonianze del passato ci sono in Valle d’Aosta e in particolare quelle citate sono tutte lungo la via consolare delle Gallie, al centro di un progetto nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia-Svizzera 2007-2013, approvato dalla Giunta regionale. I fondi comunitari che la Regione potrà recuperare grazie a questo progetto ammontano attualmente a circa 266mila euro, che potranno poi essere incrementati.

“Il progetto prende in considerazione una delle presenze storiche fra le più importanti della Regione – spiega una nota dell’Amministrazione regionale – ovvero il percorso della strada consolare che faceva della Valle d’Aosta uno dei luoghi di particolare interesse commerciale e strategico nel mondo antico. Il tracciato, che si sviluppa da Pont-Saint-Martin fino al Piccolo San Bernardo e comprende anche la diramazione del Gran San Bernardo, è tuttora costellato di resti più o meno monumentali, ma ancora bene visibili”.

Il progetto, tra le sue finalità, vuole far comprendere come la viabilità fosse uno strumento di gestione di un territorio e delle sue economie. Sarà per questo motivo fatta una valutazione di quanto rimane del percorso viario originale tramite un censimento dei resti noti o presunti, alcuni dei quali, selezionati secondo la loro importanza storica e accessibilità, saranno rilevati e inseriti in un percorso virtuale. “Questo percorso sarà correlato da alcune stazioni fisse di informazione più tradizionali e dalla stesura di un piano strategico di comunicazione e marketing che permetterà l’individuazione dei punti forti del patrimonio e la loro migliore integrazione con il territorio”. Il progetto curato dall’Assessorato regionale alla Cultura, si inserisce in un quadro di iniziative e attività attivate da tempo per recuperare fondi comunitari per il sostegno delle attività di valorizzazione della Regione.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati