Capitale europea della Cultura: Aosta si candida per il 2019

Con una delibera di Giunta, il Capoluogo fa il primo passo per partecipare alla competizione tra città italiane. In palio ci sono fondi europei e statali per un anno di eventi culturali, manifestazioni, festival, fiere, concerti e mostre.
Andrea Paron - PdL
Cultura

Aosta ha fatto ieri il primo passo per candidarsi come capitale europea della Cultura nel 2019, anno in cui sarà il turno dell’Italia e della Bulgaria di ospitare l’iniziativa. "Nella primavera scorsa – spiega l’assessore comunale Andrea Paron – ci è arrivata la notizia di questa opportunità, perciò abbiamo cominciato a riflettere sulle potenzialità del nostro Capoluogo e sulla possibilità di intraprendere un percorso del genere in un periodo di crisi".

Entro la fine del 2012, il ministero per i Beni Culturali inviterà le città italiane interessate a formulare, con la scadenza di dieci mesi, una propria proposta. Queste saranno vagliate da una commissione mista, con sette membri nominati dall’UE e sei dal Governo. "Con una delibera di Giunta – spiega Paron – abbiamo stanziato 12 mila e 500 euro per individuare un project manager che elabori un programma culturale e predisponga un dossier di candidatura".

Un’eventuale vittoria, non facile da ottenere, permetterebbe di beneficiare di fondi europei e statali per organizzare un anno di eventi culturali, manifestazioni, festival, fiere, concerti e mostre. L’ultima città italiana a guadagnarsi questo titolo, che è inteso come un mezzo per dare visibilità a livello internazionale, è stata Genova nel 2004.

"La nostra idea – afferma Paron – è quella di coinvolgere la Regione e l’Università della Valle d’Aosta per costituire un comitato promotore e portare avanti la candidatura". "Non sarà facile vincere – ammette poi – ma molte delle altre città italiane che parteciperanno sono già patrimonio Unesco o hanno avuto altri riconoscimenti di questo genere in passato e ultimamente c’è la tendenza, da parte dell’Europa, a valorizzare territori meno conosciuti".

Quest’anno l’ambito titolo è stato assegnato alla portoghese Guimarães, 160 mila abitanti, e alla slovena Maribor di 110 mila abitanti.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte