Nasce Gaudio, il “libro parlato” della biblioteca sospesa di Villeneuve

La biblioteca sospesa di Villeneuve ha dato il via al Progetto Gaudio che permetterà a chi soffre di difficoltà visive, di ascoltare alcuni libri letti in francese o in francoprovenzale.
logo gaudio
Cultura

A soli sette mesi dalla sua apertura, la biblioteca sospesa di Villeneuve attiva un’iniziativa che mira ad estendere il piacere della lettura ad un pubblico che sia il più vasto possibile. Nasce così il progetto Gaudio che consente a persone non vedenti o ipovedenti di ascoltare la lettura di alcuni libri in lingua francese e in francoprovenzale.

L’ideazione e la realizzazione del progetto sono a cura dell’assessora comunale Mirena Vaudois e della consigliera comunale Viviana Perron che in questo momento stanno portando a compimento la registrazione del primo libro: Trilogie d’histoires sans fin di Germaine Lugon.

“Il titolo del progetto   – dice l’assessora Vaudois –  deriva dal gaudio, ossia il piacere, che deriva dall’ascoltare i testi proposti, inoltre, il nome ha in sé la parola audio, parte fondamentale della nostra attività.”

“È un’iniziativa che a noi piace moltissimo perché -commenta il Presidente della sezione valdostana della UICI, Luigi Giunta– va ad integrare, con letture in francese e in patois, l’insieme di lettura in italiano che noi possiamo già fornire.”

 

Prog Gaudio Jocallaz Giunta Vaudois
Prog Gaudio Jocallaz Giunta Vaudois

Come funziona?

Il progetto Gaudio imita il processo che avviene a livello nazionale con i 55 mila titoli a disposizione dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti. Le volontarie registreranno la lettura dei libri, metteranno il file mp3 su un CD e questo sarà a disposizione di tutti coloro che lo chiedono. Infatti, “per accedere al servizio messo in piedi dal Comune di Villeneuve, non è necessario iscriversi all’UICI ma è aperto gratuitamente a tutti coloro che hanno difficoltà visive” – puntualizza Luigi Giunta.

Per il momento il progetto Gaudio sta per dare vita alla sua prima registrazione, sicuramente ne seguiranno molte altre e già si ipotizza che queste possano essere inserite sul server nazionale in modo che sempre più persone possano godere della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura