Non solo jazz: all’Espace Populaire approda il blues

Annunciato il programma jazzistico curato da Beppe Barbera. La rassegna da quest'anno raddoppia e accoglie anche le blues band reclutate da Max Arrigo. I prossimi appuntamenti sono sabato 19, con un trio jazz, e domenica 20, con un cantautore blues.
Da sx Arrigo e Barbera
Cultura
Il jazz fa il suo ritorno all'Espace Populaire, per il quarto anno consecutivo, con una ricca rassegna di concerti a cura di Beppe Barbera. L'esordio è previsto per questo sabato, con il trio Allione, Tavella e Ruggieri, e proseguirà, di serata in serata, fino all'inizio di giugno. Nonostante l'interesse che il genere riscuote presso i valdostani si tratta dell'unica serie di appuntamenti dedicata al jazz organizzata nella nostra regione. Da quest'anno la rassegna ha accolto una novità, ovvero la nascita di un ciclo parallelo di concerti di matrice blues, a cura di Max Arrigo. Le prime due serate hanno portato in Valle d'Aosta i chitarristi Pat Savage e Joe Pitts, mentre questa domenica è atteso l'arrivo di Jono Manson, cantautore del New Mexico.
Beppe Barbera e Max Arrigo, le due anime, rispettivamente jazz e blues, della rassegna, hanno presentato ieri, in conferenza stampa, il programma dell'inverno 2009 e della primavera 2010.
Partiamo dalle serate jazz: dopo la già citata esibizione di sabato prossimo, sono attesi i concerti di Ferdinando Farao' e Larry Schneider (24 gennaio), del quintetto valdostano di Guido Gressani (29 gennaio), della Musikorchestra di Luca Garlaschelli (11 febbraio), del trio Mediterranean di Luigi Tessarollo (20 febbraio), di Andrea Manzoni, pianista solista (13 marzo), dell'ensemble valdostano AljazZeera (3 aprile), del trio brasiliano Doze Cordas (10 aprile), del quartetto di Michele Gori (24 aprile), ancora di Fernando Farao', ma in chiave contemporanea (15 aprile) e del gruppo locale Prosound 3 (5 giugno).

La rassegna blues, invece, dopo Pat Savage, Joe Pitts e Jono Manson, ospiterà la rock blues band torinese Silvertrane (5 febbraio), i ltrio bresciano Guinea Pigs (27 febbraio), la Travelin'band, il miglior tributo italiano ai Creedence Clearwater Revival (27 marzo) e infine gli udinesi Jimi Barbiani Band (23 aprile).

L'ingresso è gratuito per le serate blues, dal momento che si tratta del primo anno della rassegna, mentre assistere a un concerto jazz costerà 5 euro.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura