Cultura e spettacolo di Alessandra Borre |

Ultima modifica: 22 Luglio 2021 9:49

Paolo Angeli fa risuonare la “sua chitarra” al MAIN

Gignod - Il concerto nell'ambito degli appuntamenti estivi che la Maison de l'Artisanat International di Gignod organizza a corollario della mostra ineLUDibile GIOCO, visitabile fino al 31 ottobre.

Paolo Angeli in concerto al MAINPaolo Angeli in concerto al MAIN

Una chitarra che sembra un gioco, ma che invece è serissima, un work in progress lungo 25 anni che Paolo Angeli ha spiegato durante il suo concerto al MAIN, nell’ambito degli appuntamenti estivi che la Maison de l’Artisanat International organizza quest’estate. Quella che lui chiama “semplicemente la mia chitarra”, sembra un gioco, perfetta per la mostra che il MAIN ospita fino al 31 ottobre: ineLUDibile GIOCO.

Il musicista sardo ha portato a Gignod non solo il suo strumento, ma tutto un universo. A suonare non solo la sua chitarra, ma il suo viso, le sue mani mentre calibra suoni e movimenti e i suoi piedi, da cui dirige parte dei suoni e con cui tiene il tempo su una busta di plastica. Piedi scalzi, come in un gioco, come i bambini, con la purezza dei sentimenti che lo guidano quando parla della sua terra, la Sardegna. Lui, di Palau, con l’isola ha litigato, fatto pace, cercato una tregua e poi è ritornato, quest’anno per un periodo più lungo, dovuto alla pandemia, e per la prima volta dopo tanto tempo in inverno. Trasferitosi a Barcellona, ha completato il suo ultimo album Jar’a, lavoro che ha concluso tra l’altopiano di Giara e l’isola della Maddalena e che gli ha permesso di riportare al centro dei suoi suoni un minimalismo ancestrale della musica che si confronta con la deflagrante potenza della natura.

MAIN Gignod
MAIN Gignod

Quella che lui chiama una “semplice chitarra” è in realtà uno strumento molto complesso sia dal punto di vista della costruzione stessa del supporto, sia dal punto di vista del suono: la base, una cassa di chitarra sarda, è arricchita da due livelli di corde (verticali e orizzontali), nella cassa, un sistema di eliche azionato automaticamente, fa vibrare le corde, il cui suono può essere modificato anche attraverso due ponti mobili. Un puntello di violoncello permette di suonare la chitarra in verticale, anche con un archetto di violoncello, che però suona su un ponte piatto e non curvo, mentre un sistema a pianoforte azionato con i piedi permette un ulteriore suono grave; per non farsi mancare nulla dei dispositivi di telefono cellulare in modalità conferenza vibrano e generano suoni impensabili per una “semplice chitarra”. Questo strumento, “la band che ha suonato per voi questa sera”, come scherza l’artista a Gignod è come un gioco e il parallelismo con la mostra esposta al MAIN è immediato. Una parte analogica e una digitale, un modo di suonare che permette di arrivare a toccare e produrre suoni che non esistono, che si creano e si distruggono all’istante, come le onde sarde che Angeli conosce bene e che nelle sue melodie toccano anche i montanari più duri.

MAIN Gignod
MAIN Gignod
Enrico Montrosset e Nurye Donatoni
Enrico Montrosset e Nurye Donatoni

Per non farsi mancare nulla, oltre ai brani di Sale Quanto Basta e Su (due lavori da solista), Paolo Angeli ha regalato alla platea anche una cover dei Radiohead, il brano Airbag tratto da Ok Computer, creando qualcosa di unico. Il MAIN si presenta quindi come sede ideale per concerti intimi e diversi dal solito spettacolo, qualcosa che permetta di scoprire nuove frontiere della cultura, così come la mostra esposta, che permette una panoramica incredibile sull’origine del gioco, fino ad arrivare alle consolle di ultima generazione, senza tralasciare la sovraesposizione dei bambini ai giochi e la ludopatia.

La mostra è visitabile fino al 31 ottobre al MAIN di frazione Caravex a Gignod dalle 13 alle 19 (chiuso il lunedì).

Paolo Angeli in concerto al MAIN
Paolo Angeli in concerto al MAIN
Paolo Angeli in concerto al MAIN
Paolo Angeli in concerto al MAIN
Paolo Angeli in concerto al MAIN
Paolo Angeli in concerto al MAIN

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo