Per superare i 172mila visitatori del 2008, speranze riposte in questo sabato di Fiera

I dati sull'affluenza arriveranno solo a kermesse terminata ma le prime impressioni, raccolte soprattutto fra gli artigiani, parlano di un andamento in linea con quello registrato nel 2008.
Padiglione enogastronomico
Cultura

Il sole è tornato anche oggi a sorridere alla Millenaria. Dopo i balli e i canti fino a notte inoltrata della Veillà, la Foire  è tornata lentamente ad animarsi in mattinata. I dati sull’affluenza arriveranno solo a kermesse terminata ma le prime impressioni, raccolte soprattutto fra gli artigiani, parlano di un andamento in linea con quello registrato nel 2008. Le speranze di arrivare a superare i 172 mila visitatori registrati l’anno scorso nei due giorni di fiera sono ovviamente riposte nella giornata di oggi, sabato, occasione più propizia per le gite fuori porta. Attesi per la serata anche i nomi dei premiati di questa 1009esima edizione.

A salutare Sant’Orso sarà alle 21 il concerto offerto al Giacosa dai Trouveur Valdotèn. Sul palco accanto alla famiglia Boniface le tradizioni anche di altre regioni italiane e non.

Nel programma di oggi ancora Archeologia e musica in Piazza Giovanni XXIII, attività per i bambini presso il 
Museo archeologico regionale e visite guidate alle mostre allestite dall’Assessorato alla Cultura.

E poi naturalmente tanto artigianato:
Produzione tradizionale: i banchi sono posizionati in via S. Anselmo, via Porta Pretoria, piazza Chanoux, via De Tillier, via Aubert, via Croce di Città sud, via De Sales, piazza Giovanni XXIII, via Xavier de Maistre, via Anfiteatro e via Guido Rey (fino alla confluenza con via Antica Zecca);
Produzione equiparata (ceramica, rame, vetro, oro e argento): tratto di via Antica Zecca verso la confluenza con via S. Anselmo;
Produzione non tradizionale: Via Antica Zecca (dalla confluenza con via Guido Rey fino ai banchi della produzione equiparata al tradizionale), via Croce di Città nord e piazza Roncas;
Produzione non tradizionale – imprese: via Antica Zecca (i banchi dei produttori professionali non tradizionali precedono immediatamente quelli degli espositori "equiparati" al tradizionale);
Produzione mobili: portici del municipio e via Xavier de Maistre;
Scuole (di scultura, vannerie, intaglio, tornitura, mobili): portici del municipio;
Imprese artigiane (produzione tradizionale e in ceramica, rame, vetro, oro e argento): strutture coperte in piazza Chanoux e in piazza Plouves.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura