Premio Strega 2023, fra i candidati anche il libro della valdostana Laura Marzi

La lista delle opere candidate è stata resa nota ieri. A presentare il libro di Marzi, scrittrice e giornalista valdostana, è stata Veronica Raimo, vincitrice l'anno scorso del Premio Strega Giovani.
Laura Marzi
Cultura

C’è anche il libro della valdostana Laura Marzi, “La materia alternativa”, edito da Mondadori, fra gli 80 romanzi in corsa per il Premio Strega 2023. La lista delle opere candidate è stata resa nota ieri. A presentare il libro di Marzi, scrittrice e giornalista valdostana, è stata Veronica Raimo, vincitrice l’anno scorso del Premio Strega Giovani e ospite a novembre del primo appuntamento della Saison Littérature.

Questa la motivazione della candidatura al Premio Strega: “Ho partecipato a un incontro in un carcere femminile insieme a Laura Marzi ed ero ammirata dal rigore, dalla complessità e dalla dolcezza delle sue riflessioni e delle sue risposte alle detenute. Sono tre cose che ho ritrovato nel suo romanzo d’esordio, La materia alternativa, ed è per questo che sono felice di presentarlo al Premio Strega di quest’anno. La materia alternativa è un libro che segue due piani paralleli e irrimediabilmente intrecciati, quello dell’insegnamento in un istituto superiore e quello della vita personale di una giovane insegnante precaria. È un romanzo che affronta due temi sempre a rischio di retorica: la scuola e il desiderio femminile, e lo fa nel modo più intelligente possibile, attraverso una dimensione privata che diventa politica. Al determinismo sociale di una scuola classista e di una vita sentimentale che si può risolvere solo nel coronamento di una vita di coppia, Marzi ci ricorda costantemente che esiste un’alternativa. Per me il senso della letteratura è questo: non la ricerca di una catarsi, ma della possibilità di un’altra via, anche se non abbiamo alcuna certezza che sia quella giusta”. 

Toccherà ora al  Comitato direttivo del premio – composto da Pietro Abate, Giuseppe D’Avino, Valeria Della Valle, Ernesto Ferrero, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Dacia Maraini, Melania G. Mazzucco (presidente), Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi, Antonio Scurati e Giovanni Solimine – scegliere i 12 titoli che si disputeranno l’edizione 2023. L’annuncio dei finalisti arriverà giovedì 30 marzo in una conferenza stampa in programma presso la Camera di Commercio di Roma, nello scenografico Tempio di Adriano.

La pluralità della materia alternativa diventa un libro con Laura Marzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte