Lavoro a turni: cos’è, come funziona e le principali regole in merito

Ma vediamo nello specifico come funziona il lavoro a turni e soprattutto quali sono le principali regole in merito.
DIPENDENTI IN CLOUD aostasera it
Curiosità

Si sente spesso parlare di lavoro su turni e ad oggi sembra essere la modalità più usata nella maggior parte delle mansioni e tipologie di lavoro.

Inizialmente, infatti, la turnazione era una prerogativa solo di alcuni lavori, come ad esempio nella sanità o nel trasporto pubblico, ma ad oggi questa modalità si è applicata anche ad altri settori, come la grande distribuzione, le industrie, la ristorazione o il commerciale.

Non è semplice organizzare i turni di lavoro in quanto vi è richiesta un’equa distribuzione dei dipendenti, in relazione alla quantità reale di lavoro presente in ciascuna fascia.

In altre parole, il rischio è che una cattiva gestione della turnazione comporti più manodopera nei settori o nelle fasce orarie in cui ce n’è meno bisogno e meno quando ce n’è più bisogno.

Ma vediamo nello specifico come funziona il lavoro a turni e soprattutto quali sono le principali regole in merito.

Tipologie di turnazioni

Esistono diversi modi di organizzare un lavoro a turni, in base anche alle necessità dell’azienda, come ad esempio se hanno bisogno di avere un lavoro continuo 24h su 7 giorni, o si possono concedere delle chiusure.

Le principale tipologie di lavori a turni sono:

  • Turno unico. Nel lavoro con turno unico esiste un numero massimo di ore settimanali totali che il dipendente non può eccedere, ma lavora comunque per 6 giorni, con un riposo ogni 3. Questo perché su tre posti di lavoro si alternano 4 dipendenti, dandosi il cambio.
  • Turno a squadre. In questa tipologia di turnazione su un’unica postazione di lavoro esistono più squadre di lavoratori che ruotano nel corso della giornata, in fasce orarie diverse. Di solito, le più comuni, sono 6-14, 14-22, 22-6 in caso di turno notturno.
  • Turno a ciclo continuo. Questo è il caso di un’azienda che ha esigenza di restare aperta 24 ore su 24 e di solito, in questo caso, i dipendenti hanno una turnazione a squadre.

La velocità di turnazione, ovvero ogni quanto il lavoratore cambia orario di lavoro, è stabilita dall’azienda stessa, in base alle sue necessità. Queste possono infatti avere turnazioni veloci, che cambiano ogni 1-3 giorni, settimanali o più lunghe, come ad esempio mensili.

Rischi e vantaggi del lavoro a turni per i dipendenti

Non esiste un modo unico e sicuro di ricoprire gli orari di lavoro. Come tutti gli altri tipi di lavoro, quindi, quello a turni offre vantaggi ma anche svantaggi.

I vantaggi del lavoro a turni

  • Maggiore flessibilità d’orario. La turnazione permette al dipendente di avere a disposizione orari della giornata che un comune lavoro spesso può non dare. Il classico orario d’ufficio, ad esempio, consente di uscire alle 17 o alle 18, e spesso questo può essere un problema per chi ha bisogno di prendere appuntamenti, fare la spesa o, in linea generale, occuparsi di alcune faccende.
  • Carico di lavoro variabile. Alcune fasce orarie possono essere più dense di lavoro, mentre altre meno. Ad esempio, nella ristorazione il pranzo tende a essere sempre un po’ meno faticoso della cena. Avere turnazioni permette di non dover subire sempre lo stesso carico di lavoro e poter variare, potendo godere anche di momenti più leggeri.

Gli svantaggi

Il primo svantaggio relativo al lavoro su turni è legato agli orari spesso diversi rispetto a quelli della cerchia sociale del dipendente, che siano amici, parenti o il partner. Questo può causare una frustrazione, in quanto a volte il lavoratore non potrà passare del tempo con i propri affetti.

Ma lo svantaggio più grande, legato al lavoro su turni, è quello che viene chiamato “La sindrome del turnista”: si tratta di un insieme di condizioni, a volte definibili veri e propri disturbi.

La causa maggiore è da ritrovarsi nella desincronizzazione tra il ritmo circadiano endogeno, quello cosiddetto biologico, e quello ambientale, compreso quello della cerchia sociale.

Inoltre, spesso, da un turno a un altro i propri ritmi cambiano. Le abitudini per i pasti e il ritmo sonno-veglia mutano spesso e raramente sono in linea con quelli dell’ambiente circostante. Questo a lungo andare può causare anche disturbi di tipo fisico, come:

  • Patologie gastrointestinali.
  • Patologie neuropsichiche.
  • Malattie cardiovascolari.

Nonché può causare:

  • Disturbi del sonno.
  • Disturbi dell’alimentazione.
  • Ridotta efficienza psicofisica e performance lavorativa.
  • Difficoltà nella vita familiare e nell’integrazione sociale.

Il regolamento in merito alla regolazione del lavoro a turni

Il lavoro a turni, quindi, come abbiamo visto può essere causa di alcune difficoltà e per questo è importante che venga organizzato nel migliore dei modi, così da ridurre al minimo i rischi per il dipendente.

Inoltre vi sono normative italiane, dettate dal Contratto Collettivo Nazionale Lavoro, per tutelare il dipendente e proteggerlo da queste eventualità, cercando di regolamentare il più possibile la turnazione.

Le norme riguardano:

  • Il periodo di lavoro settimanale. Anche con la flessibilità, la turnazione e i possibili straordinari, l’orario settimanale di un dipendente non deve superare la media di 48 ore.
  • Il periodo di riposo. Nell’arco delle 24 ore devono intercorrere almeno 11 ore da un turno a un altro, mentre all’interno della settimana deve essere presente almeno un giorno di riposo che comprende le intere 24 ore più le 11 del riposo giornaliero.
  • Il turno notturno. È considerato turno notturno un periodo lavorativo di 7 ore consecutive, comprensivo di pause, che ricade nell’intervallo che va da mezzanotte alle 5 del mattino. Perciò si usufruisce in questo caso della paga agevolata e in più minori o donne in stato di gravidanza non possono prendervi parte.
  • Il tempo di preavviso. Il turno e l’eventuale variazione dell’orario di lavoro deve essere comunicato al dipendente entro un tempo ragionevole, affinché questo possa organizzarsi il proprio tempo libero e familiare.

Conclusioni

Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede il lavoro a turni, utile non più solo a determinate categorie ristrette di aziende. Nella ristorazione, nella GDO o nel manifatturiero avere possibilità di organizzare i propri dipendenti in una turnazione può essere infatti vantaggioso.

Per il dipendente stesso lavorare su turni può avere dei vantaggi, ma anche degli svantaggi, tra cui il rischio di incorrere in qualche disturbo psico-fisico.

Esistono perciò delle norme che si occupano di regolamentare il lavoro su turni, affinché il dipendente sia tutelato il più possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte