Asili nido, dal 7 settembre si riparte

Il Presidente della Regione ha infatti firmato ieri sera l'ordinanza per il riavvio delle attività rivolte ai bambini fra i tre mesi e i tre anni.
bambino, bambini, nido, asilo nido
Economia

Alcuni durante l’estate si sono trasformati in centri estivi, altri hanno preferito attendere. Stiamo parlando dei servizi alla prima infanzia, che dal 7 settembre possono ufficialmente aprire. Il Presidente della Regione ha infatti firmato ieri sera l’ordinanza per il riavvio delle attività rivolte ai bambini fra i tre mesi e i tre anni.

Il protocollo per la riapertura era stato approvato qualche giorno prima, il 28 agosto. Le novità riguardano il nuovo rapporto fra educatori e bambini, che rimane di 1 a 4 per i piccoli del servizio di tata familiare ma diventa 1 a 6 negli asili nido (prima era 1 a 8) e lo spazio gioco. 

Anche qui vengono suggerite misure organizzative finalizzate a favorire ingressi scaglionati, evitare gli assembramenti, incentivare l’attività all’aperto, garantire idoneo distanziamento sia per i bambini che per tutto il personale per l’intero periodo di svolgimento delle attività.

Viene poi suggerito un lavaggio frequente delle mani, quale attività ludico‐ricreativa routinaria “da vivere con serenità e gioiosità, eventualmente alternandolo all’utilizzo della soluzione idroalcolica, da conservarsi ovviamente in luogo non accessibile dai minori”.

Come già a scuola, il protocollo parla della necessità di garantire la composizione stabile nel tempo dei gruppi e dei loro operatori di riferimento, in modo tale da limitare il numero dei contatti a rischio potenziale e a facilitare il tracciamento dei contatti e la messa in atto delle misure successive in eventuali casi confermati o sospetti.

Ogni singolo gruppo di bambini deve disporre di uno spazio interno ad uso esclusivo, con i suoi rispettivi arredi e giochi, che saranno opportunamente sanificati. Gli spazi possono essere variati solo dopo attenta igienizzazione e aerazione. Quest’ultima va eseguita di continuo, e se compatibile con le condizioni climatiche, è necessario tenere le finestre aperte durante le attività in luoghi chiusi. Sempre se possibile, bisogna p privilegiare il più possibile le attività all’aperto.

Infine viene chiesto agli operatori di indossare la  mascherina chirurgica o mascherina di livello di protezione superiore, o altri dispositivi, come occhiali e visiere, valutando le specifiche situazioni di maggiore rischio. I guanti in nitrile monouso vanno usati al momento del cambio del pannolino.

Infine viene raccomandata la la pulizia intensificata rispetto all’ordinario come misura generale di prevenzione per l’epidemia da Covid‐19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

   Eventi
Precedente
Successivo
   Foto
Precedente
Successivo
   Video
Precedente
Successivo