Economia e lavoro di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 3 Novembre 2018 12:31

Skipass Modena, la Valle “studia” il Codice Identificativo Regionale

Aosta - Il "Cir", entrato in vigore dal 1° novembre in Lombardia è studiato per le case e gli appartamenti per vacanza, compresi gli alloggi, obbligatorio per chiunque li pubblicizzi, promuova o commercializzi.

gérard-cuc-restanoDa sx Beppe Cuc, Filippo Gérard e Claudio Restano

C’è anche la Valle d’Aosta alla venticinquesima edizione di Skipass, il Salone del Turismo e degli Sport Invernali, in programma fino al 4 novembre a ModenaFiere, e che celebra l’inizio della stagione invernale.

Alla giornata di apertura dell’evento, giovedì 1° novembre, e alla conferenza stampa di presentazione della stagione invernale valdostana ha partecipato anche il presidente degli albergatori e delle imprese turistiche della Valle d’Aosta Filippo Gérard.

A margine della conferenza stampa, Gérard ha incontrato l’assessore regionale al Turismo Claudio Restano e il presidente dell’associazione valdostana dei maestri di sci Beppe Cuc.

“L’invito e la partecipazione a quest’iniziativa è la dimostrazione di come la collaborazione tra la nostra associazione, l’Assessorato regionale al Turismo e i maestri di sci sia quanto mai concreta e fattiva: è infatti indispensabile che queste tre realtà lavorino insieme per arrivare a offrire sul mercato un prodotto competitivo e attento alle esigenze dei turisti che decidono di trascorrere le vacanze invernali nella nostra Regione”, ha commentato il presidente Adava Filippo Gérard.

LaAosta Valley Tourist Card”

Nello stand dedicato alla Regione era presente anche la “Aosta Valley Tourist Card”, la tessera nata dalla sinergia tra l’associazione degli albergatori e quella dei maestri di sci per offrire ai turisti uno strumento per avere accesso a servizi esclusivi, vantaggi economici e sconti unici per acquisti, sport, attività culturali e tempo libero.

La card consente di programmare una giornata presso i centri termali di Pré-Saint-Didier, Saint-Vincent, Monte Rosa, di viaggiare a bordo di SkyWay Monte Bianco, assaporare specialità enogastronomiche, scoprire bellezze paesaggistiche, trascorrere il tempo tra cultura, divertimento e shopping, scoprire monumenti e musei.

Compreso nel valore della card c’è il free pass per visitare ogni volta che lo si desidera il Forte di Bard, usufruendo di sconti speciali sugli acquisti presso il bookshop e beneficiando di tariffe ridotte per gli spazi espositivi temporanei. La Card individuale ha inoltre la funzione di tessera skipass con durata illimitata e può essere acquistata online in pochi semplici passaggi, oppure presso le casse degli impianti di risalita.

L’obiettivo: adottare il Codice Identificativo Regionale anche in Valle

Nel corso della giornata Gérard ha anche incontrato l’assessore regionale al Turismo della Regione Lombardia Lara Magoni, ex campionessa di sci e albergatrice, con la quale si è confrontato sull’introduzione in Lombardia di una norma volta a contrastare l’abusivismo e agevolare i Comuni nei controlli degli annunci, online e offline, di turismo in appartamento.

A partire dal 1° novembre, infatti, è entrato in vigore il Codice Identificativo Regionale (CIR) per le case e gli appartamenti per vacanza, compresi gli alloggi o porzioni degli stessi dati in locazione per finalità turistiche, obbligatorio per chiunque li pubblicizzi, promuova o commercializzi: sono quindi compresi i gestori stessi, gli intermediari immobiliari e i gestori di portali telematici.

Il Cir attesta in modo trasparente che il percorso amministrativo di regolarizzazione degli appartamenti affittati ad uso turistico è stato completato, ovvero che il gestore ha inviato la comunicazione di inizio attività al Comune di competenza e che ha acquisito le credenziali di accesso al Sistema regionale per la gestione della trasmissione dei flussi turistici.

“È dal 2016 che la nostra associazione sta lavorando affinché anche in Valle d’Aosta venga introdotta una regolamentazione di questo tipo: il nostro auspicio è che non si perda ulteriore tempo e che possa finalmente essere approvata la bozza di disegno di legge da tempo predisposta”, ha sottolineato Il Presidente Adava.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>