Economia e lavoro di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 8 Ottobre 2021 17:05

Traforo Gran San Bernardo, la Valle d’Aosta sollecita la proroga della concessione

Crans Montana - Senza questa proroga è a rischio la sostenibilità del traforo. A lanciare l'allarme è l'Assessore regionale alle Partecipate Luciano Caveri, che ieri ha preso parte a Crans Montana alla Commissione mista italo-svizzera per il traforo del Gran San Bernardo.

L'Assessore Caveri con Carmine Robustelli, capo delegazione italiana AmbL'Assessore Caveri con Carmine Robustelli, capo delegazione italiana Amb

” Senza risposte chiare e tempi compatibili si rischia dì mettere in discussione la funzionalità stessa del traforo del Gran San Bernardo“. A lanciare l’allarme su uno dei nodi importanti del traffico stradale internazionale è l’Assessore regionale alle Partecipate Luciano Caveri, che ieri ha preso parte a Crans Montana alla Commissione mista italo-svizzera per il traforo del Gran San Bernardo.

“L’impegno finanziario per il tunnel di sicurezza, che verrà inaugurato nei prossimi mesi, peserà sui conti della Sitrasb, che è stata anche penalizzata dal calo dei transiti a causa della pandemia – prosegue l’Assessore -. Così come è gravosa la manutenzione dì quel sistema di ponti e opere d’arte che portano all’accesso al tunnel. In più bisogna svolgere importanti lavori di rifacimento all’interno del traforo stesso. Per poter far fronte a tutto ciò da tempo si è prospettato, anche per gli investimenti pur meno gravosi sul lato svizzero, un allungamento della concessione in scadenza nel 2034, che era stata indicata per il 2050 e oggi prudenzialmente dovrebbe essere al 2070.”

Senza questa proroga è a rischio la sostenibilità del traforo.

“Sarebbe auspicabile un intervento finanziario statale rapido per far fronte ai lavori dì rifacimento della soletta di ventilazione che gli svizzeri sono già pronti a realizzare  – prosegue Caveri – e sarebbe auspicabile, inoltre, una eventuale riflessione con Anas sulla gestione della strada di accesso al tunnel dall’abitato di Saint-Rhémy en Bosses, sgravando Sistrasb da costi manutentivi che si prospettano insostenibili”.

La Regione chiede scelte rapidi e tempi certi. “Il mio personale impegno, ancora una volta, è stato quello di sensibilizzare le autorità italiane presenti a questo consesso, data l’importanza strategica di questo asse stradale che si riverbera non solo sul territorio regionale ma su tutto il territorio nazionale”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo