Alessia Gontier nel Consiglio nazionale di Coldiretti

Gontier, assieme a Elio Gasco, Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta, ha partecipato oggi a Roma alla riconferma di Ettore Prandini, 51 anni, a presidente nazionale di Coldiretti. 
Ettore Prandini e Alessia Gontier
Economia

La Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta Alessia Gontier entra nel Consiglio nazionale. Gontier era presente oggi a Palazzo Rospigliosi a Roma, sede della principale Organizzazione degli imprenditori agricoli a livello nazionale ed europeo, assieme a Elio Gasco, Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta, durante l’elezione del nuovo presidente nazionale.

Ettore Prandini, 51 anni, lombardo con tre figli, è stato confermato all’unanimità dall’Assemblea dei delegati giunti da tutte le regioni, in rappresentanza di oltre 1,5 milioni di soci. Nominata anche la nuova Giunta Confederale composta dai tre vicepresidenti Nicola Bertinelli, David Granieri e Gennarino Masiello oltre che da Franco Aceto, Gianluca Barbacovi, Cristina Brizzolari, Dominga Cotarella e Francesco Ferreri.

“Per una piccola Federazione come la nostra è un onore sedere in Consiglio nazionale e contribuire all’intenso lavoro del presidente Prandini e della sua squadra per raggiungere a livello nazionale obbiettivi ambiziosi quali la competitività delle imprese agricole, la garanzia della sovranità alimentare del Paese per ridurre la dipendenza dall’estero, la promozione delle filiere produttive 100% Made in Italy con l’innovazione e la sostenibilità economica ed ambientale” è il commento di Alessia Gontier, Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta.

“La presenza in giunta del presidente regionale del Trentino Gianluca Barbacovi è una ulteriore garanzia nel tenere alta l’attenzione sulle problematiche delle aree interne e montane sempre più soggette ad abbandono e spopolamento con conseguenze dirette su un territorio complesso con equilibri ambientali e idrogeologici delicati” continua la Presidente Gontier.

“L’obiettivo fissato da Prandini e dalla Coldiretti nazionale è ambizioso, è l’impegno a raggiungere 100 miliardi di valore dell’export agroalimentare anche con la spinta della candidatura della cucina italiana a patrimonio immateriale dell’Unesco e la lotta al falso Made in Italy sulle tavole mondiali. Siamo convinti sia necessario investire sulla logistica in termini infrastrutturali sui trasporti creando interconnessioni fra i vari hub che permettano di accorciare tempi di consegna e tagliare costi inutil e servono anche scelte strutturali per far fronte agli effetti sempre più devastanti dei cambiamenti climatici,” sottolinea Elio Gasco, direttore di Coldiretti Valle d’Aosta.

“Il ruolo della nostra federazione Regionale è quella di spostare l’azione sindacale a livello locale andando ad operare in stretta sinergia con le istituzioni locali per sollecitare la messa a terra di tutte le risorse possibili al fine di garantire la competitività delle aziende della nostra regione” conclude il direttore Gasco.

Assemblea nazionale Coldiretti
Assemblea nazionale Coldiretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte