Champdepraz, completati i lavori per il primo tratto di rete del metano

Il progetto complessivo per il Comune di Champdepraz, il cui investimento ammonta a 2,5 milioni di euro, prevede "circa 7,5 chilometri di nuova rete digitale, 195 predisposizioni all'allacciamento e l'installazione di misuratori intelligenti di ultima generazione
Economia

Dopo Saint-Marcel e Gressan, il metano arriva anche nel Comune di Champdepraz.  Italgas Reti spa, che ha vinto la gara per il servizio di distribuzione del gas naturale, spiega in una nota di aver completato i lavori per la messa in funzione di un primo tratto di oltre 2.000 metri di rete per la distribuzione del metano nel Comune della bassa Valle.

La nuova rete si aggiunge “ai circa 370 chilometri di condotte già presenti sul territorio della Valle d’Aosta”, fa sapere l’azienda, e sono “numerose le utenze che hanno già fatto richiesta di allacciamento, così da poter beneficiare non solo dei vantaggi del gas naturale, ma in un prossimo futuro anche di gas rinnovabili come biometano e idrogeno”.

Nello specifico, il progetto complessivo per il Comune di Champdepraz, il cui investimento ammonta a 2,5 milioni di euro, prevede “circa 7,5 chilometri di nuova rete digitale, 195 predisposizioni all’allacciamento e l’installazione di misuratori intelligenti di ultima generazione (smart meters) in grado di consentire, tra le altre funzioni, la lettura a distanza e automatica dei consumi”, si legge nella nota. Per informazioni o assistenza, i cittadini potranno rivolgersi al numero verde 800 915 150, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20, oppure visitare il portale “MyItalgas” e l’applicativo “ClickToGas”, sul sito www.italgas.it. Per segnalare eventuali guasti e dispersioni, chiamare il numero verde 800 900 999, 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte