Collegamento fra il Monterosa e il Cervino, Legambiente: “Ennesima speculazione edilizia”

"Un'idea insensata". Cosi Legambiente definisce il collegamento sciistico fra la Valtournenche e la Val d'Ayas, tornato agli onori della cronaca in questi giorni dopo l'affidamento ad una società canadese dello studio di fattibilità.
Economia

"Un’idea insensata". Cosi Legambiente definisce il collegamento sciistico fra la Valtournenche e la Val d’Ayas, tornato agli onori della cronaca in questi giorni dopo l’affidamento ad una società canadese dello studio di fattibilità.

"L’area interessata (vallone delle Cime Bianche) è inserita nel SIC/ZPS IT1204220 “Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa” e rappresenta l’ultimo vasto spazio senza impianti di accesso al versante sud Monte Rosa – si legge nella nota –  né la destra orografica, torrente Courtod, perennemente sotto valanga, né la sinistra orografica, susseguirsi di altopiani, si prestano per lo sci da discesa; le infrastrutture di trasporto sarebbero di una lunghezza tale da richiedere investimenti e scassi ambientali colossali, del tutto insostenibili".

Un’area quindi da preservare. "L’intera area racchiude  – scrive ancora Legambiente .- una preziosa ricchezza di varietà geologiche, paesaggistiche, floristiche, faunistiche nonché di testimonianze storico-culturali che richiederebbe ben altri progetti di valorizzazione al fine di attrarre un turismo responsabile e sostenibile. Il progetto è in contrasto con i protocolli attuativi della Convenzione delle Alpi".

L’emergenza non è quindi un nuovo domaine ma "l’accessibilità turistica alla Regione (ferrovia, collegamenti con gli aeroporti, servizi flessibili interni)".

E sullo studio di fattibilità. "Il fine, esplicitato nel bando, di apportare “varianti alla pianificazione per offrire opportunità di investimento ai privati” che tradotto significa “fateci ampliare le aree edificabili previste nel Piano Regolatore Generale per soddisfare gli appetiti speculativi”. Per questi appetiti vengono sprecati soldi pubblici. E poco importa se attraversiamo tempi di ristrettezze: per le furbate i soldi si trovano sempre!"

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte