Dalla Chambre contributi alle imprese per valutare lo stato di salute

Presentato un bando per la prevenzione della crisi di impresa. Previsti 39 voucher per un'analisi tecnica sulla situazione aziendale, organizzativa e finanziaria delle imprese.
Bo Frand Genisot Morelli e Sapia
Economia

Prevenire è meglio che curare, anche per le imprese. Ne è convinta la Chambre valdôtaine  che ha deciso di accompagnare le aziende valdostane dal dottore, commercialista, per un check up. Una visita che sarà finanziata attraverso un bando, presentato oggi alla Pépinières d’Entreprises.
“Vogliamo misurare la temperatura alle imprese” spiega il Presidente Roberto Sapia.
Il bando per la prevenzione della crisi di impresa, pensato in accordo con l’Ordine regionale dei dottori commerciali ed esperti contabili, prevede l’erogazione alle imprese di 39 voucher per un totale di 75mila euro stanziati. 

I contributi, da 1.500 a 3000 euro per impresa, serviranno per una valutazione tecnica dello stato di salute dell’azienda. Tre gli step previsti: l’immissione di alcuni dati dell’impresa, attraverso il proprio commercialista o un altro professionista nella piattaforma del sistema camerale Innexta, l’analisi dei dati forniti con gli esperti di Innexta e per ultimo l’elaborazione di un documento con l’individuazione dei punti deboli e di forza dell’impresa e con dei suggerimenti operativi per migliorare la gestione di impresa.  Due i percorsi previsti, uno per le aziende in contabilità ordinaria (11 voucher) e un altro per le aziende in contabilità semplificata (28 voucher).

“Non è un’iniziativa riservata alle imprese in crisi o pre crisi, ma alle imprese in salute che vogliono fare una valutazione aziendale” ha spiegato Roberto Sapia “Il momento è opportuno, perché è da quest’anno che si inizia a vedere quali saranno i danni causati da due anni di Pandemia. Inoltre in questo primo trimestre registriamo un aumento dell’inflazione e un rialzo dei costi delle materie prime. Questi due fattori rischiano di mettere in crisi il business delle nostre circa 12mila aziende.”

Circa il 54% delle imprese valdostane, come ricordato da Sapia, sono ditte individuali e il 94% sono imprese con meno di 10 addetti. “Le imprese piccole fanno fatica ad ottenere credito dalle banche. Inoltre stiamo assistendo ad un momento di trasformazione autentica nella digitalizzazione, quale impresa individuale può permettersi un’infrastruttura digitale se non cresce e non conosce se stessa. Questo strumento vuole fornire all’imprenditore una maggiore consapevolezza di se stesso, quasi una misura psicologica, un’analisi della situazione aziendale, organizzativa, economica e finanziaria, accompagnata dal consulente di fiducia”.

Nell’iniziativa un ruolo importante lo giocheranno infatti i commercialisti.
“Continuità aziendale, adeguati assetti, nuove norme sull’accesso al credito, codice della crisi e tutto questo in tempi di Pandemia e guerra.  – Gianni Frand Genisot, presidente dell’Ordine regionale dei dottori commerciali ed esperti contabili.   – Mai come oggi l’imprenditore è chiamato a valutare lo stato di salute della propria impresa, a prevenire possibili tensioni finanziarie e organizzative, a programmare la crescita della propria attività e a reperire capitali per farvi fronte. Noi dottori commercialisti siamo pronti ad affiancare l’imprenditore in queste dinamiche”.

Il bando è rivolto alle imprese con sede legale e/o operativa in Valle d’Aosta, iscritte al registro imprese della Chambre e in regola con il diritto annuale camerale.
Le domande (il modulo è disponibile sul sito della Chambre) per accedere ai voucher si apriranno alle ore 12 del 16 maggio 2022 per chiudersi poi il 15 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia