Dehors, Confcommercio ai comuni: “Ridurre o esentare dal pagamento imposta”

"Ad oggi non possiamo certamente considerare finita la crisi" evidenzia Confcommercio Fipe Vda. L’esenzione del pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico dei dehors anche per il 2022 rappresenterebbe il “toccasana” che le aziende del territorio attendono dopo anni di difficoltà"
Dehors Aosta
Economia

“Valutare urgentemente la possibilità di riduzione o totale esenzione dell’imposta di occupazione del suolo pubblico relativa ai dehors.” L’appello arriva da Confcommercio Fipe VdA.
“Tale richiesta è motivata dal fatto che ad oggi non possiamo certamente considerare finita la crisi. Le nostre aziende continuano ad affrontare con difficoltà e resilienza gli aumenti spropositati legati all’aumento dell’energia e al rincaro delle materie prime”.

Secondo Graziano Dominidiato Presidente Confcommercio Fipe VdA “è indispensabile in questo momento storico particolarmente confuso e difficile aiutare e sostenere le nostre aziende. Il nostro appello accorato è rivolto a tutte le Amministrazioni comunali della Valle d’Aosta. L’esenzione del pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico dei dehors anche per il 2022 rappresenterebbe il “toccasana” che le aziende del territorio attendono dopo anni di difficoltà. La crisi non è ancora finita ed il nostro compito deve essere quello di agevolare chi lavora e lo fa seriamente per il bene delle proprie famiglie e della comunità stessa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte