Peggiorano le prospettive per l’industria valdostana

I dati di Confindustria Valle d'Aosta. "Gli imprenditori ci dicono che i prossimi mesi non saranno certo facili e che i fattori d’incertezza andranno in qualche modo controllati altrimenti i rischi saranno seri" evidenzia il presidente di Confindustria VdA Francesco Turcato.
Immagine di archivio - Manutentore industria 4.0
Economia

“Era solo questione di tempo” perché il conflitto in Ucraina, il caro energia e materiali e l’inflazione “si riflettessero sulle nostre imprese associate che fino ad ora avevano saputo ben reagire al contesto assorbendo i rincari vertiginosi di energia e materie prime”.

Peggiorano, infatti, quasi tutti gli indicatori dell’indagine previsionale di Confindustria Valle d’Aosta del quarto trimestre 2022.

“Gli imprenditori ci dicono che i prossimi mesi non saranno certo facili e che i fattori d’incertezza andranno in qualche modo controllati altrimenti i rischi saranno seri”. evidenzia Francesco Turcato, Presidente di Confindustria Valle d’Aosta.

Il peggioramento più evidente lo mostra il  dato sull’occupazione che passa da +39,02% del trimestre precedente ad un +2,17% dell’attuale. Rimane stabile invece il dato relativo al ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni che si attesta su di un +2,86%.
Peggiora invece il dato relativo alla produzione che si attesta per il terzo trimestre 2022 su di un +11,36%. In calo, pur restando in terreno positivo, anche il dato sugli ordinativi che passa da +36,59% della precedente rilevazione ad un +9,30%.

Male anche le previsioni sull’export, che passa da un +30,43% del trimestre precedente ad un +8,00% dell’attuale. Varia un poco la composizione del carnet ordini, in particolare aumentano notevolmente le aziende con ordini per meno di un mese che passano da un +9,09% del trimestre precedente ad un +34,29% dell’attuale.

Stabile invece il dato sugli investimenti: quello per ampliamenti si attesta su di un +38,24%, quello per sostituzioni su di un +29,41%. In leggera diminuzione rispetto allo scorso trimestre la percentuale degli imprenditori che non prevede di fare nessun investimento che si attesta su di un +32%. In lieve calo il tasso di utilizzo impianti che si attesta su di un +67,90%.

La media complessiva dei tempi di pagamento è di 65 giorni (dato in leggero aumento rispetto alla precedente rilevazione) e di 60 giorni per la Pubblica Amministrazione. Aumenta il numero di imprese che segnalano ritardi negli incassi passando da un +30,95% del trimestre precedente ad un +52,17% dell’attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte