Rinnovo del contratto del Comparto unico, il Savt si mobilita

Non uno sciopero, ma una raccolta di firme e adesioni online contro il blocco dei contratti dei dipendenti pubblici, fermi al 2010. Corniolo: “Siamo contro questo nuovo centralismo dello Stato”.
La segreteria del Savt
Economia

Non uno sciopero, ma una raccolta di firme e adesioni online contro il blocco dei contratti dei dipendenti del Comparto unico, ancora fermi al 2010. La mobilitazione del Savt che è stata presentata oggi, giovedì 11 ottobre, parte dal settore della pubblica amministrazione, ma vuole allargarsi a tutta la popolazione valdostana per dire “Basta” come recita lo slogan della campagna sindacale. “Siamo contro questo nuovo centralismo – dice il segretario Savt, Guido Corniolo – che vuole spazzare via 60 anni di storia. Non si risolvono i problemi occupazionali gonfiando la pubblica amministrazione, ma neanche distruggendo servizi che qui sono eccellenti”. “L’altro motivo di questa mobilitazione – dice Claudio Albertinelli – è il blocco delle assunzioni che soprattutto nei comuni crea numerosi problemi per il personale”.

E il Savt vuole dire “Basta” anche agli sprechi della politica, ma con qualche distinguo. “Vanno fatte scelte forti e credibili anche qui, anche se va rispettata la nostra autonomia decisionale”, dice Albertinelli. “Anche negli enti locali si è andati oltre – conclude – ma la ricetta non è chiudere i comuni, ma creare associazioni per la gestione dei servizi”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte