Scuola, gli insegnanti denunciano: “Record di cattedre vuote in Valle d’Aosta”

Secondo i dati forniti dal Coordinamento "Professori senza cattedra" i posti vacanti sono 241 sulle 445 indicate come necessità dall’organico di fatto, "con alcuni vuoti clamorosi".
Immagine di archivio - Manifestazione dei Professori senza cattedra
Economia

Houston o meglio quinto piano di Piazza Deffeyes abbiamo un problema. Lunedì 14 settembre gli alunni rientreranno in classe, ma non tutti avranno ad attenderli tutti gli insegnanti.

A denunciare il record di posti vacanti per l’anno scolastico 2020/2021 è il coordinamento “professori senza cattedre” che parla in una nota di “disastro annunciato”.

Secondo i dati forniti dal Coordinamento le cattedre vuote sono 241 cattedre sulle 445 indicate come necessità dall’organico di fatto, “con alcuni vuoti clamorosi”: alle medie sono rimasti vuoti 17 posti di francese (su 27), 14 di matematica e scienze (su 24), 6 di inglese (su 7). Non va meglio, secondo il coordinamento, alle superiori con 11 posti liberi di matematica su 12, 7 di matematica e scienze su 11, 12 su 23 nelle discipline letterarie.

“I numeri più drammatici  – spiega ancora la nota – riguardano la copertura dei posti su sostegno, ossia quelli destinati a supportare gli alunni che più hanno bisogno di competenza, esperienza e continuità: alle scuole medie sono rimasti vuoti 43 posti di sostegno su 53 e alle superiori 17 su 33″.

Una situazione determinata, spiega i docenti del Coordinamento “Professori senza cattedra”, dalla mancanza da almeno sei anni di percorsi abilitanti alla professione. A questo si aggiunge la decisione di indire, in piena pandemia, tre concorsi diversi con tre modalità “diverse e vaghe, e che si presteranno inevitabilmente a conflitti e relativi ricorsi, come da italica prassi.” Procedure concorsuali per 166 posti che non avrebbero comunque, spiega il Coordinamento, permesso di coprire i posti vacanti.

Le cattedre rimaste scoperte sono assegnate in questi giorni tramite chiamate dirette dei dirigenti scolastici a chi ha inviato alle scuole la cosiddetta MAD, ossia la messa a disposizione tramite curriculum vitæ. 

“Un sistema sì legittimo, che da una parte permette un primo accesso alla professione e dall’altra la risoluzione rapida di un’emergenza, ma non certo pensato per coprire oltre il 50% delle cattedre libere: è evidente, infatti, che l’obbligo di scelta tramite MAD  – proseguono i docenti – non offre garanzie assolute di trasparenza e in queste settimane (a disastro cattedre previsto da tutte le istituzioni) ha costretto segreterie e docenti a passare in rassegna centinaia di curricula alla ricerca disperata di quei pochi aventi i titoli richiesti dalla disciplina di insegnamento e – se possibile – almeno un briciolo di esperienza soprattutto per le cattedre cosiddette difficili”.

I docenti senza cattedra ricordano come nel resto d’Italia siano state riaperte le graduatorie provinciali.

“Il precariato non è un’etichetta per una categoria di insegnanti, ma un male della scuola italiana. – ricorda la nota –  In Valle d’Aosta gli insegnanti cosiddetti precari non solo non sono tali da coprire esclusivamente malattie, gravidanze, aspettative, ma sono regolarmente in servizio ogni anno, nel migliore dei casi dal 1° settembre al 31 agosto, spesso nella stessa istituzione scolastica per anni consecutivi”.

L’emergenza sanitaria, concludono i professori senza cattedra, “avrebbe potuto e dovuto rappresentare un’occasione per investire nuovamente sulla scuola valdostana che negli ultimi anni ha subito pesanti tagli. Invece, oltre ad un aumento irrisorio degli organici – soprattutto per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ma anche sull’infanzia permangono criticità – e comunque destinato ad esaurirsi ad emergenza conclusa, la ripresa a settembre vedrà ancora la presenza di alcune classi composte da 27 alunni e, fatto ancor più grave, con la presenza di più alunni con disabilità sullo stesso gruppo classe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte