Si mantiene stabile la fiducia delle imprese valdostane

A rivelarlo è l'indagine previsionale di Confindustria su un campione di imprese manifatturiere e dei servizi aderenti. A pesare ancora di più, sono le perduranti incertezze sull’intero sistema infrastrutturale della Valle d’Aosta.
Il presidente di Confindustria Valle d'Aosta Francesco Turcato - ph Paolo Rey
Economia

Resta stabile il clima di fiducia delle imprese per il secondo trimestre 2024. A rivelarlo è l’indagine previsionale di Confindustria su un campione di imprese manifatturiere e dei servizi aderenti.
Migliorano le esportazioni, dove il saldo attivo ottimisti-pessimisti passa dal 13,33% del primo trimestre al 20,69% anche se aumentano le aziende con ordini sufficienti per meno di un mese che passano dal 20% al 24%. In diminuzione del 5% gli ordini con visibilità oltre i 3 mesi, stabili invece gli ordini con visibilità 1-3 mesi. Previsto un leggero abbassamento relativo ai nuovi ordini, dove il saldo passa dal 23,40% al 19,57%. Stabili anche gli investimenti: il saldo ottimisti pessimisti per ampliamenti si attesta su di un +27,50% (rispetto al +30% del trimestre precedente), quello per sostituzioni riconferma la percentuale del trimestre precedente del +32,5%. In leggero aumento rispetto allo scorso trimestre la percentuale degli imprenditori che non prevede di fare nessun investimento che si attesta su di un +40% (38% il dato del primo trimestre). Varia di poco, in negativo di 3 punti percentuali, il tasso di utilizzo di impianti (+70,15%), che resta sui valori medi di lungo periodo.

“Le risposte arrivate dalle imprese valdostane lasciano immaginare una seconda parte dell’anno robusta. L’inserimento stabile nelle filiere produttive testimoniato dall’aumento delle esportazioni e degli investimenti previsti nel secondo trimestre è una premessa importante, per sviluppare e consolidare la crescita e l’occupazione. I rischi macroeconomici e geopolitici di questa fase storica restano un’incognita ma a pesare ancora di più, sono le perduranti incertezze sull’intero sistema infrastrutturale della Valle d’Aosta. Come abbiamo ribadito in tutte le sedi, quella deve continuare a essere la priorità se si intende proseguire il cammino di sviluppo delle imprese della nostra regione, che vogliono poter continuare a competere sui mercati di tutto il mondo” commenta il presidente di Confindustria Piemonte, Francesco Turcato.

La media complessiva dei tempi di pagamento è di 49 giorni (dato in miglioramento rispetto alla precedente rilevazione) e di 52 giorni per la Pubblica Amministrazione. Cala il numero di imprese che segnalano ritardi negli incassi passando da un +30,19% del trimestre precedente ad un +26,53% dell’attuale. A livello occupazionale è in forte riduzione il dato relativo al ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni che si attesta su di un +4,35%, rispetto all’8,51% del trimestre precedente. Per quanto attiene le previsioni occupazionali, il saldo pessimisti-ottimisti resta positivo, ma cala dal 20 al 10,2%.

Anche il focus sulle aziende edili aderenti a Confindustria Valle d’Aosta segnala un clima di ottimismo, con il 33% imprese che prevede una crescita e il 67% stabilità. Per quanto attiene alla produzione, il 42% delle imprese prevede una crescita, il 50% stabilità e solo l’8% un calo. Buono anche il dato relativo ai nuovi ordini: il 50% si attende un aumento degli ordini, mentre solo il 10% di aziende prospetta una diminuzione. L’export ha un segno positivo (+16,67%): l’83% delle aziende segnala stabilità nelle esportazioni ed un 17% segnala un incremento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte