Disoccupazione record a ottobre, oltre due milioni di persone senza lavoro

Inflazione stabile al 9,8% nell'Eurozona. Scajola: "Meglio della media Ue"
News Nazionali

Roma, 1 dic. (Adnkronos/Ign) – A ottobre il tasso di disoccupazione è salito all'8% dal 7,8% di settembre (+1% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso). Lo comunica l'Istat. Si tratta del valore massimo dal 2004. Il numero delle persone in cerca di lavoro è quindi 2.004.000, in aumento del 2% (+39mila persone) rispetto a settembre e del 13,4% (+236mila) su base annua.

Il tasso di disoccupazione giovanile – aggiunge l'istituto di statistica – a ottobre è aumentato al 26,9% dal 26,2% di settembre, con una crescita del 4,5% rispetto a ottobre dell'anno scorso. Per quanto riguarda la differenza tra disoccupazione maschile e femminile, la prima è pari, in ottobre, a 1.025 mila unità, invariata rispetto al mese precedente, ma in aumento del 15,5% (138 mila unità) rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Il numero di donne disoccupate raggiunge le 979 mila unità, in crescita sia rispetto a settembre (+38 mila unità, pari al +4,1%), sia rispetto a ottobre 2008 (+98 mila unità, pari al +11,2%). Il tasso di disoccupazione maschile è uguale al 6,9%, invariato rispetto a settembre, ma in crescita di un punto percentuale rispetto al mese di ottobre 2008. Il tasso di disoccupazione femminile è pari a 9,5, in aumento sia rispetto a settembre (+0,4 punti percentuali), sia rispetto a ottobre 2008 (+0,9 punti percentuali).

Il tasso di disoccupazione dell'eurozona a ottobre è invece rimasto invariato al 9,8%, stesso dato di settembre. E' quanto pubblicato oggi da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea. Nell'ottobre 2008 il tasso di senzalavoro nell'eurozona era stato del 7,9%. Per l'Ue a 27 stati membri il tasso è di 9,3% dopo il 9,2% di settembre. Era al 7,3% nell'ottobre 2008. In cifre assolute, Eurostat stima per l'ottobre 2009 a 22.510.000 i disoccupati nell'Ue-27, di cui 15.567.000 nell'eurozona.

"E' molto meglio della media Ue e degli altri Paesi". E' il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola, a commentare, a margine del convegno di Confindustria, il dato Istat. "La crisi economica si trasferisce sulla disoccupazione. Però questo è un dato che non è peggiore della media europea, teniamo meglio noi", aggiunge auspicando che "la ripresa ci faccia dire che si possa recuperare".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte