Ebola, Lorenzin: “In Italia nessun rischio dagli immigrati. Uno sforzo mondiale per bloccare virus”

Lorenzin "In questo momento l'Italia è sorvegliata al più alto livello, come riconosciuto da tutti. Da questo punto di vista possiamo stare sereni".
News Nazionali

(AdnKronos) – "C’è la necessità di coordinare a livello mondiale una serie di interventi nei Paesi colpiti, in particolare Liberia, Sierra Leone e Nigeria, con una possibile estensione al Senegal. Bisogna assolutamente bloccare l’epidemia, che non deve camminare. Serve uno sforzo comune di tutti i Paesi del mondo". Lo afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine di una riunione a Bruxelles sul coordinamento degli interventi per contrastare la diffusione del virus Ebola. Il ministro ha spiegato che "in Africa bisogna intervenire con operatori medici e strutture, come ospedali militari. Poi bisogna coordinare l’invio di aiuti umanitari, perché in alcune zone colpite mancano cibo e acqua". Inoltre "per quanto riguarda la sicurezza sanitaria in Europa, gestire l’evacuazione dei nostri operatori sanitari. E per questo serve un grande sforzo tecnico", ha aggiunto.

"Nessun rischio da immigrazione" – Il ministro assicura poi che "non c’è nessun rischio Ebola legato all’immigrazione. Si tratta di un virus limitato ad alcuni territori e che non ha nulla a che fare con questi tragici viaggi della speranza". "In questo momento l’Italia è sorvegliata al più alto livello, come riconosciuto da tutti. Da questo punto di vista possiamo stare sereni", ha aggiunto. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati