Egitto, allarme di Boutros-Ghali: ‘L’economia rischia il collasso’

'La crisi del paese non ha solo carattere politico, ma è demografica'
News Nazionali

Il Cairo, 3 feb. (Adnkronos/Aki) – “Un paese come l’Egitto, che rischia l’esplosione demografica, non può più reggere la situazione attuale”. E’ l’allarme dell’ex segretario generale dell’Onu, l’egiziano Boutros Boutros-Ghali, che commenta in un’intervista ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL i violenti scontri tra opposizione e gruppi filo-Mubarak che hanno causato solo nella giornata di ieri almeno una decina di morti e oltre 800 feriti.

“La divisione nelle piazze tra chi è soddisfatto dell’ultimo discorso del presidente Hosni Mubarak e chi ritiene che il rais debba abbandonare subito il potere rischia di trascinare il paese in una crisi economica devastante – dice – della cui portata e dei cui effetti nei prossimi mesi l’opinione pubblica è ignara”. Secondo Boutros-Ghali, un cristiano copto, “la richiesta della piazza non è del tutto chiara”, perché si ignora che “non si può effettuare una transizione in 24 ore e al tempo stesso scongiurare il rischio di un caos incontrollabile”.

L’ex segretario generale Onu, che presiede la Commissione Nazionale per i Diritti Umani, non si sbilancia a proposito della possibile via d’uscita dalla crisi, ma spiega che non rifiuterebbe un ruolo da “mediatore” tra le opposte fazioni se gli venisse richiesto e dopo “il via libera della Commissione” che presiede. Ma, precisa, “nel paese non sono l’unica persona che potrebbe svolgere il ruolo del mediatore”.

Boutros-Ghali si augura che “una soluzione politica sia trovata al più presto, visto il prezzo che il paese sta pagando, con la fuga in massa dei turisti e degli investitori stranieri” e ribadisce che “la crisi del paese non ha solo carattere politico, ma è demografica, con una popolazione che va verso i 100 milioni di abitanti che vivono nel 5 per cento del territorio, mentre il resto è tutto deserto”.

La Commissione per i diritti umani presieduta da Boutros-Ghali, che “non gode di un parere vincolante nei confronti dell’istituzioni”, si è riunita ieri al Cairo, spiega l’ex numero uno dell’Onu. “Abbiamo avanzato richieste sia al presidente Mubarak – spiega – che al suo vice Omar Suleiman”, che riguardano “la revoca dello stato di emergenza, l’emendamento degli articoli 76 e 77 della Costituzione sulla candidatura e sul termine del mandato presidenziale e il vaglio dei ricorsi sulle ultime elezioni parlamentari da parte delle istituzioni giudiziarie”, oltre al “pieno ripristino di Internet”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte