Italiani rapiti, su forum al Qaeda testo della rivendicazione e foto con Cicala e la moglie

Un'immagine è quella già mostrata dalla tv satellitare Al Arabiya
News Nazionali

Dubai, 31 dic. (Adnkronos/Aki/Ign) – E' apparso questa mattina sui forum jihadisti di internet il testo scritto della rivendicazione con la quale l'organizzazione di Al Qaeda nel Maghreb islamico ha annunciato tre giorni fa la paternità del sequestro dei due turisti italiani in Mauritania

Il testo è apparso su diversi forum di Al Qaeda, tra cui quello di Al-Falluja e oltre alle parole recitate nel messaggio audio sulla tv Al Arabiya dal portavoce del gruppo, mostrano anche tre foto relative al sequestro di Sergio Cicala e Philomene Kaborelare. In particolare la prima foto è quella già mostrata dalla tv satellitare Al Arabiya dove appaiono Cicala e la moglie in un'area desertica con intorno cinque miliziani armati. La seconda e la terza foto riguardano invece i passaporti dei due turisti.

"Non abbiamo nulla da dire e neppure Alexia vuole parlare" dice al telefono il fidanzato di Alexia Cicala, la figlia di Sergio Cicala. La giovane donna, figlia del primo matrimonio di Cicala, segue da vicino l'evolversi della situazione. Ma dopo gli appelli lanciati, via tv, il giorno dopo il rapimento, al premier Berlusconi e al ministro degli esteri Frattini, adesso preferisce trincerarsi nel silenzio. Alexia Cicala, che lavora in un centro per l'immigrazione di Mazara del Vallo, nel trapanese, si è trasferita temporaneamente dalla madre, che abita Caltanissetta.

Al Qaeda nel Maghreb Islamico ha intanto chiesto un riscatto di sette milioni di dollari per il rilascio dei tre cooperanti spagnoli sequestrati, insieme a un collega francese, il 29 novembre scorso in Mauritania. Lo scrive il quotidiano 'El Mundo', secondo il quale alla richiesta di denaro si aggiunge quella di liberare alcuni militanti dell'Aqmi detenuti nelle carceri mauritane.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte