News nazionali di Domenico Albiero |

Ultima modifica: 21 Aprile 2016 0:00

Siena, il marito non vuole lavare i piatti e la moglie l’aggredisce: denunciata

L'uomo, stanco di subire umiliazioni e vessazioni, ha deciso di sporgere denuncia contro il coniuge.

L'uomo, stanco di subire umiliazioni e vessazioni, ha deciso di sporgere denuncia contro il coniuge.

Siena, 21 apr. – (AdnKronos) – Una giovane moglie marocchina, di fede musulmana, minacciava il marito più anziano di lei e lo costringeva a fare i lavori domestici. L’uomo, stanco di subire umiliazioni e vessazioni, ha deciso di sporgere denuncia contro il coniuge. Il fatto è accaduto ieri a Colle di Val d’Elsa (Siena), quando un cittadino marocchino, 38 anni, disoccupato si è presentato alla caserma dei carabinieri per sporgere denuncia per maltrattamenti in famiglia contro la moglie, anche lei marocchina, 22 anni, casalinga.

Dallo scorso mese di gennaio, in più occasioni, la 22enne ha aggredito verbalmente il marito sottoponendolo a umiliazioni morali e fisiche. Lunedì scorso, poi, per futili motivi, la moglie ha aggredito il marito, lanciando contro di lui oggetti e minacciandolo con un coltello al fine di costringerlo a svolgere lavori domestici (come lavare i piatti) che, però l’uomo si è rifiutato di compiere. Due giorni dopo l’accaduto l’uomo ha sporto denuncia. 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo