Virus A, altri tre morti in Italia. Due decessi in poche ore a Napoli. Prima vittima in Lombardia

Aumentano i casi nel nostro Paese
News Nazionali
Roma, 29 ott. (Adnkronos Salute/Ign) – La nuova influenza A fa registrare altre tre vittime in Italia. Salgono a quattro i morti a Napoli, con due decessi all'ospedale Cotugno in poche ore. Intorno alle 20 di ieri sera è morto un anziano di 65 anni, ricoverato in un altro ospedale napoletano due giorni fa e trasferito alla rianimazione del Cotugno ieri sera alle 18.30 per una grave insufficienza respiratoria. L'uomo soffriva da tempo per un grave indebolimento dell'organismo.

L'altra vittima è un uomo di circa 50 anni, un ergastolano proveniente dal carcere di Poggioreale, che era stato "ricoverato martedì alle 16.30 all'ospedale Cotugno di Napoli ed è deceduto oggi poco dopo la mezzanotte", spiega all'ADNKRONOS SALUTE Cosimo Maiorino, direttore sanitario dell'ospedale partenopeo, sottolineando che il paziente, che ha contratto il virus in carcere, è stato ricoverato per meno di 29 ore nella struttura napoletana.

L'uomo "era affetto da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) e da grave obesità'', precisa Maiorino, ricordando che "fino ad oggi le vittime dell'influenza A a Napoli sono state persone con gravi condizioni di salute, per le quali il virus è stato una concausa del decesso".

E si registra la prima vittima in Lombardia. Una donna di 74 anni, ospite a Cernusco sul Naviglio (Milano) in un centro per malattie psichiatriche dell'Ordine ospedaliero Fatebenefratelli, è morta di polmonite, ma è risultata positiva anche al virus H1N1. Come da prassi in tutti casi di positività al virus H1N1, anche su questa paziente la Regione Lombardia farà rapporto al ministero. Ma dal Pirellone assicurano che la causa reale del decesso è stata la polmonite.

La donna, riferiscono dalla Regione, era lungodegente in un centro di malattie psichiatriche. Visto l'aggravarsi dell'ultima polmonite che l'aveva colpita, martedì è stata trasferita in ospedale sempre a Cernusco sul Naviglio, dove è morta. Al tampone l'anziana è risultata positiva anche all'infezione da virus H1N1 che però, ribadisce la Regione, non può considerarsi la vera causa del decesso.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte