Adu Vda, Chiara Giordano e Giulio Gasperini candidati a sindaco e vice di Aosta

Candidati e programma sono stati presentati ieri sera, domenica 26 luglio, presso il salone in località Tzanté de Bouva di Fénis.
Assemblea Adu Vda
Politica

Adu Vda scopre le carte in vista delle prossime elezioni. Candidati e programma sono stati presentati ieri sera, domenica 26 luglio, presso il salone in località Tzanté de Bouva di Fénis. L’Assemblea ha visto accorrere numerosi sostenitori del partito, tutti armati di mascherine e distanziamento sociale.

A presiedere l’evento è  il direttivo di “Ambiente, Diritti, Uguglianza” moderato da Jeanne Cheillon, capitanato dalla consigliera regionale Daria Pulz, a cui si sono affiancati Alexandre Glarey e Patrizia Neri.

I punti cardine del programma sono la naturale conseguenza del nome che la compagine politica si è data. Prevedono, quindi, la crescita e la coltivazione di un mondo che tuteli la salute delle persone passando anche, soprattutto, attraverso la salvaguardia dell’ambiente, beni e diritti fondamentali garantiti per tutti e rimozioni delle barriere che polarizzano le classi sociali in base al reddito.

“Economia, ambiente e salute sono le tre parole d’ordine da seguire se vogliamo creare una nuova prospettiva politica in Valle, specialmente in seguito alla crisi pandemica che abbiamo dovuto affrontare. A cui aggiungo lungimiranza responsabilità e riflessione” dice Patrizia Neri.

A cui fa eco Alexandre Glarey: “Il virus non ha portato solo una crisi sanitaria, ma soprattutto una economica. E questo è il contesto in cui sguazzano le destre e i “dinosauri” della politica valdostana a cui noi ci opponiamo con tutte le nostre forze e che sono i  responsabili per la situazione socio economica che stiamo vivendo oggi. La politica valdostana è sempre stata uno “Charaban”, una forza come la nostra, con un programma come il nostro, non può che cambiare le regole di questo gioco”.

A tal proposito si dice d’accordo la Consigliera Pulz: “Siamo qui perché vogliamo rimettere in circolazione gli “ideali” della politica. La politica non deve servire per perseguire interessi personali. Bisogna invece essere solidali e presenti specialmente per opporsi all’avanzata dei fascio-leghisti come a quella della corruzione e dei fenomeni mafiosi.” Prosegue:” non crediamo nei matrimoni di interesse. Ci presenteremo alle elezioni da soli, sapendo che non sarà facile, ma con la salda speranza di riuscire a creare le condizioni per un vero cambiamento”.

In attesa della definizione del programma ufficiale e il suo deposito presso gli enti preposti, ADU presenta durante la serata i propri candidati per le prossime elezioni.

Chiara Giordano concorrerà come come candidato sindaco di Aosta, Giulio Gasperini come vice. Pochi i nomi che si ripetono nella lista per le comunali e per le regionali, in primis Carola Carpinello (consigliera comunale uscente), Daria Pulz (consigliera regionale uscente), lo stesso Giulio Gasperini, Nives Paroli e Massimo Valenti. In entrambe compaiono molti candidati già presenti nel 2018, come i portavoce Jeanne Cheillon, Alex Glarey, Beatrice Feder, Clémy Sandon, Elio Cheney, Paolo Gino, Marco Sarboraria, Sauro Salvatorelli. Altri nomi sono quelli di Stefano Colaciocco, Matteo Leonardi, Matteo Castello e Sauro Salvatorelli.Ernesto Pison, Paolo Meneghini, Beatrice Feder, Giovanni Miszczyszyn, Elio Benvenuto e Charles Siani.

 

0 risposte

  1. Insomma uno si sveglia una mattina, non sa che fare e si candida a governare una città…Ma questi di ADU, dopo l’inutile presenza in Consiglio regionale, adesso vogliono riproporla anche in quello comunale?? Ossignur come siamo messi male…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica