Caro energia, minoranza propone nell’Assestamento di bilancio il “Chèque énergie”

Un contributo forfettario a fondo perduto, proposto da Forza Italia, Pour l'Autonomie e Lega, per sostenere finanziariamente le famiglie valdostane a parziale compensazione dei maggiori costi sostenuti per l'acquisto di energia elettrica, di gas naturale e fonti di riscaldamento. L'impegno di spesa previsto è di 4 milioni di euro.
Politica

Dopo aver provato, nella discussione dell’ultimo bilancio regionale, di reintrodurre il Bon de chauffage i gruppi di Forza Italia, Lega Vallée d’Aoste e Pour l’Autonomie hanno presentato, nella giornata di ieri mercoledì 26 luglio, un emendamento all’Assestamento di bilancio, ora in fase di discussione,  per rendere immediatamente operativa la corresponsione di un contributo forfettario a fondo perduto, il “Chèque énergie”. L’obiettivo è di sostenere finanziariamente le famiglie valdostane a parziale compensazione dei maggiori costi sostenuti per l’acquisto di energia elettrica, di gas naturale e fonti di riscaldamento. L’impegno di spesa previsto è di 4 milioni di euro, lo stesso previsto dalla maggioranza nell’assestamento. Risorse che però in quest’ultimo caso potranno essere spese solo dopo un disegno di legge che definirà i criteri di assegnazione.

Sempre i gruppi Forza Italia, Lega Vallée d’Aoste e Pour l’Autonomie hanno depositato un secondo emendamento per rendere immediatamente operative le misure di sostegno per l’acquisto di beni strettamente strumentali all’esercizio dell’attività di impresa, anche finalizzati alla riduzione dei costi e dei consumi energetici.

“Ci si aspettava una maggior volontà programmatoria e di prospettiva da parte del Governo regionale – ha sottolineato nella sua relazione il vice capogruppo della Lega Vda Stefano Aggravi –  anche in considerazione delle emergenze principali che stanno interessando i valdostani, prima fra tutte quella del caro energia. Abbiamo invece trovato una timida proposta tutta da costruire non si capisce bene come ed in che termini, frutto di una maggioranza in evidente difficoltà di iniziativa, come abbiamo già più volte messo in evidenza. Quella che stiamo vivendo è una nuova stagione di grande turbolenza dall’esito incerto, ma con effetti che lasceranno non pochi segni alla nostra società di domani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica