Caveri a Venezia: “Servono posizioni italiane chiare sui dossier a Bruxelles”

Il consigliere regionale Luciano Caveri, a Capo della delegazione italiana al Comitato delle Regioni, ha chiesto in un seminario a Venezia, di fare fronte comune fra Regioni e Province autonome per evitare ritardi e rischi di perdere occasioni.
Luciano Caveri
Politica

Un fronte comune forte fra Regioni e Province autonome, anche attraverso i propri uffici a Bruxelles, per fare in modo che le posizioni italiane sui vari dossier siano chiare e definite sin dall’inizio per evitare ritardi e rischi di perdere delle occasioni. Questo oggi vale su temi decisivi come il futuro dei fondi strutturali, la politica agricola comunitaria, il nuovo patto di stabilità, la concorrenza e le liberalizzazioni“.

E’ questo l’appello fatto dal consigliere regionale Luciano Caveri, a Capo della delegazione italiana al Comitato delle Regioni, in occasione del seminario organizzato dal Consiglio regionale del Veneto e dalla Conferenza regionale sulle dinamiche economiche e del lavoro “Veneto ventiventi 2014 – 2020 l’alta programmazione regionale: obiettivi, strumenti, coordinamento istituzionale” che si è svolto a Venezia.

Nel proprio intervento Caveri ha tracciato l’evoluzione del quadro legislativo italiano e la sua evoluzione negli ultimi decenni, segnalando come “nel processo ascendente, cioè la fase di formazione del diritto comunitario, le Regioni partecipino ancora in modo non soddisfacente e non è ancor stata garantita la partecipazione delle Regioni al Consiglio europeo quando si tratti di materie di loro competenza“.

“Non bisogna mollare il tiro – ha concluso Caveri – certe timidezze sul federalismo nel Trattato di Lisbona vanno superate con un’azione congiunta di tutte le Regioni e delle altre espressioni di democrazia locale in Europa”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte