Politica

Ultima modifica: 12 Aprile 2019 16:14

Consiglio regionale, in arrivo in aula la prima variazione di bilancio

Aosta - Critiche da Lega e Mouv' per l'assenza in Commissione dell'Assessore all'Agricoltura, Laurent Viérin, convocato per un'audizione urgente questa mattina.

consiglio regionale

Potrebbe arrivare già nella prossima seduta del 17 e 18 aprile la prima variazione di bilancio del Governo Fosson da 33 milioni di euro circa. Questa mattina la  seconda Commissione Affari generali ha espresso parere favorevole a maggioranza, con il voto contrario dei gruppi Lega VdA e Mouv’ e l’astensione del M5S.

Polemica fra maggioranza e minoranza

Mouv’ e Carroccio puntano in particolare il dito contro l’Assessore al Turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali Laurent Viérin, che non si è presentato questa mattina, nonostante la convocazione. “Ad inizio seduta – commenta il Consigliere Stefano Aggravi – siamo venuti a conoscenza che l’Assessore Viérin non avrebbe partecipato alla riunione e che, in sua vece, avrebbe preso parte alla Commissione il coordinatore dell’agricoltura. Come Lega Vallée d’Aoste riteniamo che il non aver presenziato ai lavori della II Commissione, peraltro convocata d’urgenza proprio per effettuare le audizioni previste dall’ordine del giorno, sia una grave mancanza di rispetto nei confronti della stessa. Come Commissario ho deciso comunque di partecipare ai lavori della Commissione per rispetto del lavoro portato avanti dagli uffici.” Aggiunge Roberto Cognetta di Mouv’: “Ho chiesto la ragione per cui non era presente, ricevendo una risposta vaga. Avrà anche ottimi motivi, ma la sua partecipazione alla riunione era fondamentale per fornire risposte politiche su di un argomento per cui le spiegazioni tecniche del solo dirigente non sono sufficienti per permettere di capire gli orientamenti dell’Amministrazione.”

Parole che vengono respinte dalla maggioranza che parla di “pura strumentalizzazione politica” Pierluigi Marquis, Giovanni Barocco, Luca Bianchi, Jean-Claude Daudry scrivono: “Quando abbiamo programmato le audizioni era già stata preannunciata la possibile assenza dell’Assessore Viérin per impegni istituzionali fuori Valle, ma era stata confermata la presenza dei dirigenti dell’Assessorato. In quell’occasione nessuno aveva sollevato problemi, in quanto la presenza dei dirigenti avrebbe assicurato un approfondimento tecnico sui provvedimenti, demandando all’Aula la discussione politica”.

Gli interventi messi in campo dalla variazione

Martedì scorso era arrivato il primo via libera al provvedimento da parte dei sindaci, riuniti al Celva. 
In quell’occasione l’Assessore regionale alle Finanze Renzo Testolin e il Presidente della Regione Antonio Fosson avevano ricordato come la variazione è stata condizionata dalla richiesta del Ministero dell’Economia di quasi 80 milioni di euro per debiti pregressi sulla mobilità passiva.

“La variazione inizialmente prevista ammontava a 20 milioni di euro” ha ricordato Testolin “Ha raggiunto poi i 32.9 milioni di euro grazie a 6,9 milioni di euro recuperati da rendicontazioni da investimenti Fio 2017. Altri 6 milioni discendono dall’applicazione dell’aumento dei canoni per le grosse derivazioni idroelettriche e dal canone introdotto sull’impianto funiviario di Skyway che quest’anno viene messo a bilancio anche per annualità precedenti e a regime consentirà l’entrata di mezzo milione  di euro”. 

L’articolato prevede poi 4,7 milioni di euro di sgravi Irap che andranno a interessare 6.700 euro imprese. “Vale il 20% dell’imposta –  ha spiegato l’Assessore – Abbiamo cercato di renderla fruibile il più possibile, consentendo un abbattimento secco”. Arriva invece l’esenzione permanente dall’Irap per gli enti cooperativi a mutualità prevalente.

Agli enti locali la variazione di bilancio porterà 8,8 milioni di euro, di cui 5 milioni dovranno esser spesi per investimenti sul territorio. Altri 2.7 milioni di euro sono stati destinati alla realizzazione di una scuola progettata per moduli prefabbricati a Pont-Saint-Martin.

Il disegno di legge destina alla progettazione e realizzazione del presidio unico ospedaliero regionale  108.625.000 dal 2019 al 2025, di cui euro 275.000 per l’anno 2019, euro 6.975.000 per l’anno 2020 e euro 20.275.000 per l’anno 2021.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>