Dalla secessione in casa unionista nasce un nuovo gruppo consiliare

Comincia la caccia alle adesioni in consiglio, parallela alla ricerca di consensi tra i giovani disillusi, gli unionisti senior delusi e gli eletti in generale. Si annuncia un consiglio valle piuttosto movimentato.
Politica

Nessun simbolo e nessun nome, per ora. Per i dissidenti oramai ex UV è il momento di contarsi e scoprire su quanti consiglieri potranno fare affidamento quando, durante il primo consiglio regionale del 2013, terranno a battesimo il nuovo gruppo consiliare. Si chiude così l’assemblea tenutasi oggi a Fénis. Tra le persone che hanno partecipato, per ascoltare o per intervenire, anche Cesare Dujany, Renato Favre, Jeannette Fosson. “Non mettiamo limiti alla provvidenza” afferma Luciano Caveri al termine del dibattito a porte chiuse. “Magari saranno in cinque, o chissà, vedremo chi aderirà”. Il documento di sintesi prodotto dal gruppo assegna agli eletti il compito di “formulare proposte concrete per ridare slancio ad identità, principi e valori alla base dell’UV e di tradurli in un progetto politico rinnovato da un’azione fondata su metodi e approcci realmente democratici”. E’ un appello a tutti gli eletti, ai giovani che non si avvicinano più alla politica, agli unionisti senior che se ne stanno allontanando e a tutti coloro che reclamano a gran voce “metodi differenti nella vita politica”. 
Sarà un progetto autonomista e progressista: l’alleanza con il Pdl è uno dei rospi mandati giù a fatica da questa parte dell’Union. La questione rientra a gran titolo negli elementi di disaccordo evidenziati da Viérin durante il suo discorso alla presenza di simpatizzanti e giornalisti. Gli altri sono la gestione del referendum, ovvero l’appello al non voto e la successiva “ricerca di capri espiatori”, e la mancanza di un confronto e di un dibattito riguardanti, in particolare, l’approvazione del bilancio, la designazione del nuovo presidente del consiglio regionale, la riforma degli enti locali, la riduzione dei costi della politica, la riforma della dirigenza e l’esternalizzazione dei cantieri forestali. Tutte decisioni, hanno sottolineato i dissidenti, piovute dall’alto. “Con la scusa dell’eterna emergenza e dell’esigenza di fare fronte unito ad ogni costo, ci costringono spesso ad avallare posizioni con cui siamo in disaccordo senza darci possibilità di espressione, e quando riusciamo a dire la nostra partono le telefonate, le accuse e i processi alle streghe” ha sostenuto Viérin. “Noi questi discorsi li facciamo prima delle elezioni, e non dopo, a giochi conclusi, è una questione di coerenza e correttezza. Quando ho rassegnato le dimissioni da più parti mi hanno chiesto di ripensarci, chiedendomi “Che cosa vuoi?”. E’ proprio questo tipo di mentalità che contestiamo”. 
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte