Il centrosinistra valdostano analizza la sconfitta e cerca di ripartire

Incontro informale ieri sera all'Espace populaire di Aosta con i principali esponenti dei partiti del centro-sinistra valdostano. ALPE, PD e Sinistra per la città si rivedranno venerdì 11, per gettare le basi strategiche di cinque anni all'opposizione.
Politica

"Il PD ha una certa diffidenza verso la sinistra": le parole di Fabio Protasoni, presidente dell'assemblea del Partito Democratico valdostano, sintetizzano la serata-dibattito sul tema "Dopo le elezioni: società e centosinistra" che ha visto la partecipazione dei principali esponenti dei partiti del centro-sinistra valdostano. Se l'incontro voleva essere una ripartenza per l'area autonomista e progressista, relegata all'opposizione in Regione e al Comune di Aosta, astrazione e buone intenzioni l'hanno fatta da padrone e le proposte concrete ancora una volta hanno latitato. L'incontro informale tra le forze di opposizione nel capoluogo, fissato tra ALPE, PD e Sinistra per la città per venerdì 11, getterà le basi strategiche di cinque anni all'opposizione.

"Non dobbiamo avere l'ansia di attribuire delle responsabilità – prosegue Protasoni – perché come sempre la tentazione è cedere alla competizione a sinistra. In realtà, la svolta a destra dei partiti autonomisti è stata sostenuta da un ampio consenso, che ha preso completamente di sorpresa il centro-sinistra. E, da parte nostra, forse c'erano ragioni serie per non votarci: la società organizzata è in crisi, poche associazioni, come il Comitato rifiuti zero, il Forum delle famiglie e l'Arci, si sono mosse in campagna elettorale. Il PD è nato anche per dare voce a tutte queste sensibilità".

Spazio all'autocritica anche da parte di Fulvio Centoz, membro della segreteria PD e neo-sindaco di Rhêmes-Notre-Dame: "Dobbiamo smettere di considerare i voti sezionati, e candidare il cattolico per prendere i voti cattolici, il sindacalista per prendere i voti dei lavoratori, l'ex unionista per prendere i voti degli unionisti". Centoz prosegue: "Probabilmente abbiamo sbagliato la campagna elettorale: "Non vogliamo la svolta a destra"non ha spostato voti, perché è uno slogan vecchio, basato su concetti che l'elettore ha ormai superato".

Per il PD, invece, la vera ossessione è l'Unione di Prodi nel 2006: "Tutti, a sinistra, devono fare auto-critica – prosegue Centoz – perché senza una strategia, non basta andare uniti per scalfire il blocco di diecimila voti che, ad Aosta, vanno e andranno sempre al centro autonomista: in futuro si vincerà soltanto se si riuscirà a dividere l'avversario".

Seppellita l'ascia di guerra, le scintille tra ALPE e PD continuano ad essere vive: "Passare un anno a parlare di soggetto unico – incalza il primo cittadino di Rhêmes – dopo che il PD aveva deciso di non aderirvi, non ha giovato. Voler andare uniti a tutti i costi è un concetto sbagliato e non porterà da nessuna parte, perché tra noi ci sono delle differenze. E per vincere, occorre rubare mille o 1500 voti, scalfendo il blocco autonomista".

Claudio Viale, ex sindacalista della CGIL, è del parere opposto: "ALPE è l'unico soggetto politico che ha avuto il coraggio di rompere il blocco di granito dell'UV". E spiega la sua decisione di aderire al neonato movimento, dopo anni di militanza nel PCI, nel PDS e poi nei DS: "Non ho aderito al PD perché non ho più condiviso le scelte, o meglio le non-scelte, a livello nazionale. Vi è un'oggettiva mancanza di identità e la prevalenza di gruppi di interesse, anche in Valle, con troppi capibastone. Il PD deve rientrare nell'Alleanza autonomista progressista, senza se e senza ma: è l'unica occasione per la Valle d'Aosta per avere un'alternativa".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte