La famiglia al centro del confronto tra istituzioni e associazioni

La Conferenza della famiglia riproposta dopo due anni di assenza, l'ultima risale al 2012, per “confrontarsi e fare il punto sulle politiche familiari in Valle d'Aosta” come ha spiegato in apertura Patrizia Scaglia, dirigente dell'Assessorato.
Politica, Società

Sono poco più di 61mila i nuclei familiari, con una media di 2,1 componenti per nucleo, tra le più basse d’Italia, e con un tasso di separazione e divorzio invece che è tra i più alti della penisola dato che 1 matrimonio su 3 finisce con la divisione dei coniugi. E’ l’identikit  della famiglia valdostana tracciato all’interno della Conferenza della famiglia in programma oggi per tutta la giornata al Centro congressi comunale di Saint-Vincent.

Un appuntamento che torna dopo due anni di assenza, l’ultima conferenza risale al 2012, per “confrontarsi e fare il punto sulle politiche familiari in Valle d’Aosta” come ha spiegato in apertura dei lavori Patrizia Scaglia, dirigente della struttura famiglia dell’Assessorato alla Sanità.

I lavori della mattina hanno dato spazio al confronto tra i rappresentanti istituzionali e le associazioni familiari, in una tavola rotonda dal titolo "Le politiche per la famiglia in Valle d’Aosta". “Oggi viviamo in un momento di grande sofferenza, la crisi economica è intervenuta come un bastone sulle famiglie” ha esordito l’Assessore alla Sanità e Politiche sociali Antonio Fosson che non ha nascosto come i continui tagli al bilancio regionale mettano a rischio il sistema di welfare della Valle d’Aosta, da sempre considerato come un modello di eccellenza per i diversi contributi e servizi messi a disposizione dei nuclei valdostani.

Ha parlato anche di emergenza demografica Fosson: "Noi siamo un paese di culle vuote, se non capiamo come aiutare le famiglie a mettere al mondo più figli avremo seri problemi nel futuro". Un problema sottolineato e condiviso anche da Bruno Giordano, presidente del Consorzio Permanente degli enti locali che ha ricordato anche il problema dell’impoverimento delle famiglie dopo le separazioni: “da sindaco intercetto sempre più genitori che non possono pagare la casa, dovendosi farsi carico delle spese per il mantenimento del ex partner e dei figli".

Alla tavola rotonda sono intervenute anche Gabriella Vernetto, ispettore scolastico, che ha testiimoniato l’attenzione del mondo della scuola alle famiglie e Michela Colombarini, presidente del Forum delle Associazioni familiari che da anni collabora, su più fronti, con l’Assessorato alla Sanità. Oltre a gestire il centro per le famiglie, è di un anno fa la firma della convenzione,  partecipa a progetti e sperimentazione che coinvolgon attivamenteo le famiglie nel supporto e nell’individuazione delle risposte da dare ai nuclei più fragili e in difficoltà. Ospite della mattinata anche Giancarlo Biasoni, Presidente del Forum delle Associazioni Familiari del Friuli Venezia Giulia che ha portato la testimonianza dei progetti di auotorganizzazione familiare realizzati nella Regione.

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica