Legge di Stabilità e extra gettito Imu, la Valle d’Aosta ricorre alla Corte costituzionale e al Tar

La legge di stabilità prevede per il 2015/2018 un contributo aggiuntivo per il concorso agli obiettivi complessivi di finanza pubblica di 10 mln di euro per la Valle d'Aosta. 37 i mln chiesti ai comuni valdostani per l'extragettito Imu.
Il Palazzo della Corte Costituzionale
Politica

Dieci milioni di euro, quale contributo aggiuntivo per il concorso agli obiettivi complessivi di finanza pubblica. E’ la nuova richiesta arrivata da Roma alla Valle d’Aosta e contenuta nella legge di stabilità 2015, pubblicata il 23 dicembre scorso sulla Gazzetta ufficiale. Contro la manovra finanziaria dello Stato la Giunta ha deciso oggi di rivolgersi alla Corte costituzionale affidando l’incarico al Professor Francesco Saverio Marini.

Il contributo, per gli anni 2015/2018, sarà dallo Stato accantonato sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali. "Questa modalità – spiega una nota della Regione –  è stata reiterata in più manovre finanziarie dello Stato e sempre contestata dalla Regione in quanto contrastante con la normativa di attuazione statutaria in materia di ordinamento finanziario" 

Nella stessa seduta, la Giunta regionale ha deciso di promuovere un altro ricorso alla Corte costituzionale per censurare la legge 186/2014 sul rientro dei Capitali dall’estero perché stabilisce di riservare all’Erario le entrate tributarie derivanti dall’attività di contrasto all’evasione fiscale.

"Anche in questo caso – spiega il Presidente della Regione Augusto Rollandin – l’azione dello Stato è effettuata con modalità ritenute contrastanti con la normativa di attuazione statutaria, che subordina la possibilità di riservare all’Erario quote di tributi altrimenti spettanti alla Regione al rispetto di rigorose condizioni e, in ogni caso, alla previa intesa con il Presidente della Regione".

La Giunta regionale ha, sempre oggi, deciso di accodarsi al Friuli-Venezia Giulia nel ricorso davanti al Tar del Lazio contro l’extragettito Imu. In particolare nel novembre scorso una nota del Ministero dell’Economia e Finanze quantificava in 37 milioni di euro l’accantonamento, a carico dei Comuni valdostani, relativo al cosiddetto extra gettito Imu, in applicazione dell’articolo 13 del decreto-legge 201/2011, già censurato dalla Regione Valle d’Aosta davanti alla Corte costituzionale.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica