L’Osservatorio comunale sulla legalità si farà, la mozione passa senza i voti dei 5 stelle

I due esponenti pentastellati erano assenti in Consiglio al momento del voto, e Centoz li stuzzica: “I campioni della legalità a parole sono assenti”. Pradelli risponde a stretto giro: "Avrebbero dovuto aspettarci, siamo favorevoli".
L'ex Sindaco di Aosta Fulvio Centoz
Politica

Polemiche, promesse, e di nuovo polemiche. La notizia è che l'Osservatorio comunale della legalità, invocato da più parti dopo l'intervento ad Aosta della Presidente della Commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi si farà.

In realtà il Comune di Aosta è già partito, in III^ Commissione, a tirare le fila di questo nuovo Osservatorio, come spiega il Sindaco Fulvio Centoz: “Il Presidente Caminiti ha portato in Commissione una bozza di regolamento di massima, e siamo d'accordo nel capire quali enti, soggetti ed associazioni coinvolgere e come gestire l'Osservatorio. Non è una Commissione d'inchiesta, ma serve per controllare gli appalti, gli affidamenti pubblici e le partecipate. Oggi tutti gli argomenti sono terreno di scontro, le elezioni si avvicinano, ma in questo caso si sono evitate le polemiche e si è andati al sodo, si vede che è un tema sentito”.

Polemiche evitate, ma fino a un certo punto. L'unanimità di voto di ieri in Consiglio, difatti, è stata una “unanimità ridotta”. Assenti i due consiglieri 5 stelle Lotto e Pradelli, attardatisi alla manifestazione per la legalità di fronte a Palazzo regionale. Centoz tira loro le orecchie su Twitter – “I campioni della legalità a parole sono assenti”, scriveva ieri – e rincara la dose: “Siamo eletti per prendere delle decisioni, e ieri per la legalità abbiamo fatto più con un voto in Consiglio che con una manifestazione”.

MoVimento 5 Stelle che non ci sta: “Non avrebbero potuto aspettare la nostra presenza – spiega Patrizia Pradelli – e votare dopo il provvedimento? L'accanimento nei confronti del MoVimento è sempre in atto, noi non solo avremmo votato la mozione, ma saremo presenti in Commissione. L'atto più importante dovrebbe essere però un altro: i movimenti devono sospendere dal proprio ruolo chi ha su di sé un 'punto interrogativo' sull'indagine su Cuomo”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte