No deciso dell’Arci VdA all’introduzione delle 3 preferenze alle elezioni comunali

Arci VdA: "critichiamo un sistema elettorale che di fatto vanifica la segretezza del voto, ne consente un rigido controllo, promovendo così clientele e corruzione della cosa pubblica".
Politica

Il no deciso all'introduzione delle 3 preferenze alle elezioni comunali è contenuto in una nota dell'Arci VdA che scrive: "L’ARCI VdA aveva sostenuto con forza il Referendum popolare per l’eliminazione del sistema delle 3 preferenze, previsto dalla legge per l’elezione del Consiglio Valle. Con lo stesso spirito, contestiamo l’intenzione dell’attuale maggioranza di introdurre le famigerate 3 preferenze anche per le elezioni comunali. Le ragioni sono sempre le stesse: critichiamo un sistema elettorale che di fatto vanifica la segretezza del voto, ne consente un rigido controllo, promovendo così clientele e corruzione della cosa pubblica".

E aggiunge "In collegi elettorali così piccoli come i comuni valdostani, spesso divisi anche in sezioni, il libero cittadino, leale rispetto all’ordinamento costituzionale e statutario, potrà essere individuato e punito, mentre quelli più fedeli premiati. In un contesto particolare come quello valdostano, in cui ogni potere – politico, economico e persino di pubblica sicurezza – è concentrato nelle mani di una persona, è pericoloso non garantire l’assoluta segretezza del voto".

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte