Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 6 Ottobre 2016 15:19

Pontey, al via i lavori di manutenzione dell’acquedotto

Pontey - L'intervento, per 60mila euro, è stato aggiudicato all’impresa I.R. e B. di Arnad, con un ribasso del 24%.

Pontey nel periodo estivo

Hanno preso il via questa settimana i lavori di manutenzione straordinaria dell’acquedotto in frazione Prélaz a Pontey. L'intervento, per 60mila euro, è stato aggiudicato all’impresa I.R. e B. di Arnad, con un ribasso del 24%.

"I lavori consistono nella posa di una nuova tubazione in polietilene e non più in ferro, nella posa di nuovi pozzetti, e dunque non più con l’attacco dell’utente privato diretto come in essere attualmente.  – spiega il vice sindaco Roberto Favre – Verranno allacciate più utenze e posizionati esternamente i contatori, e non all’interno delle abitazioni come avviene adesso e realizzato un collegamento ad anello della rete che consente la circolazione dell’acqua, prevenendo fenomeni di gelo nei periodi invernali e consentendo così una più agevole manutenzione della rete, potendo intervenire in singoli tratti senza togliere l’alimentazione all’utenza". L'intervento si concluderà prima dell'arrivo dell'inverno. 

Il progetto generale, approvato dal Consiglio comunale nell’anno 2010, prevedeva una spesa di circa 4.000.000 di euro e il progetto approvato nel 2013 per il bando “6000 campanili”, che avrebbe interessato le frazioni di Tsesanouva, Epiney e Prélaz, stimava una spesa di circa 1.000.000 di euro, non hanno ottenuto i finanziamenti regionali e statali. "Per questo occorre procedere a lotti e pertanto già l’anno scorso il Consiglio comunale ha deliberato l’intervento in essere. – aggiunge il sindaco Rudy Tillier –  Esso tra l’altro beneficia ancora di 26.000 euro, che costituiscono l’ultima parte del finanziamento concesso dall’Amministrazione regionale nell’ambito degli interventi che hanno permesso di eliminare la criticità derivante dalla presenza naturale del Nichel nella rete e di essere a norma con i parametri di legge.”

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>