Riforma Gelmini: in Valle si manterrà l’organico del personale docente

L’assessore Laurent Viérin ha incontrato i sindacati La riforma nelle scuole superiori, infatti, partirà anche in Valle il 1° settembre del prossimo anno, ma con alcuni adattamenti
Un momento dell'assemblea sindacale di oggi
Politica

Resta duro il giudizio dei sindacati sulla riforma della scuola, ma c'è apprezzamento fra le organizzazioni dei lavoratori per le scelte della Regione per il "mantenimento delle dotazioni organiche del personale, all'aggiunta delle ore di francese e al potenziamento dell'orario minimo, previsto a livello nazionale, al fine di valorizzare l'offerta formativa programmata dalle scuole".

Lunedì 30 novembre scorso i rappresentanti della scuola di Cgil, Cisl, Savt e Snals hanno incontrato l'assessore all'Istruzione e la Sovrintendente agli studi. Parere favorevole anche sulla decisione dell'amministrazione regionale di rinviare di due anni eventuali interventi sulla razionalizzazione della rete scolastica in questa fase transitoria.

La riforma nelle scuole superiori, infatti, partirà anche in Valle il 1° settembre del prossimo anno, ma con alcuni adattamenti sia rispetto agli indirizzi sia rispetto alla dotazione organica del personale docente e interesserà esclusivamente le classi prime. E' stato assicurato inoltre che eventuali scelte di razionalizzazione della rete scolastica saranno rinviate al 2011 con efficacia dal primo settembre 2012. In particolare, il Liceo Musicale sarà attivato a partire dal settembre 2011, con l'uscita dei primi allievi della scuola media a indirizzo musicale, in presenza di un numero sufficiente di iscritti (almeno 20). La sostanza della proposta prevede che vengano attivate tutte le opzioni possibili e coerenti con gli attuali corsi e indirizzi, che siano mantenute le Istituzioni liceali e che siano rafforzate quelle relative agli Istituti tecnici, affiancando a questi percorsi triennali professionali con possibilità di passaggio "continuo" al corrispondente indirizzo tecnico.

Soddisfatto anche l'assessore all'Istruzione, Laurent Viérin, che ritiene "qualificante "la possibilità di attivare un ampio ventaglio di scelte con l'apertura di nuovi percorsi, qualora venga raggiunto il numero minimo di 20 iscrizioni".
Il nuovo liceo musicale, previsto dalla riforma Gelmini, che sarà attivato dall'anno scolastico 2011-2012, si configurerà come il naturale completamento del percorso intrapreso dall'Assessorato nell'anno scolastico 2008-2009 con l'istituzione in Valle delle scuole medie ad indirizzo musicale.
Per l'Assessorato i quadri orari nazionali sono stati la base di partenza su cui intervenire per una caratterizzazione degli indirizzi e per un'offerta più ampia agli alunni e alle famiglie nonché per una prima e fondamentale risposta, soprattutto per ciò che è dell'istruzione tecnica e professionale, alle esigenze occupazionali del territorio".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte