Contenuto Pubblicitario

“Datemi tempo”, a Gressan il servizio di Tate Familiari Montessori in mezzo al verde

Il progetto, rivolto ai bambini da 0 a 3 anni e gestito dalla cooperativa sociale “Montessori in Valle”, è il primo servizio di tata familiare a metodo Montessori ad essere riconosciuto in Valle d’Aosta.
Datemi Tempo il progetto di Tate Familiari Montessori
Pubbliredazionali

In un’epoca di costante frenesia, il progetto a metodo Montessori “Datemi tempo” è un invito a rallentare e ad accompagnare, passo dopo passo, la crescita del bambino, incoraggiando il contatto diretto dei piccoli con la natura. L’offerta, gestita dalla Cooperativa Sociale “Montessori in Valle”, si rivolge ai bambini dai 3 mesi ai 3 anni con l’obiettivo di fornire un servizio di tata familiare attento al naturale sviluppo dei più piccoli. A fare da cornice al progetto è l’azienda agricola Bisson di Gressan, un luogo immerso nel verde, ideale per far crescere i bambini a contatto con la natura.

"Datemi Tempo" il progetto di Tate Familiari Montessori
“Datemi Tempo” il progetto di Tate Familiari Montessori a Gressan

La proposta rappresenta l’evoluzione dell’iniziativa “Homenest”, nata nel 2018 da un’idea di Monia Rutigliani. Monia, oggi presidente della cooperativa, ha conseguito la sua formazione presso l’Opera Nazionale Montessori, ente accreditato dal MIUR per l’applicazione del metodo Montessori nei bambini da 0 a 6 anni. L’idea iniziale era quella di introdurre un innovativo concetto di Baby Sitter Sharing, una modalità che consente ai genitori di condividere e suddividere le spese legate all’educazione dei loro figli, ma nel corso degli anni il progetto si è via via evoluto, trasformandosi in un vero e proprio percorso educativo.

Oggi “Datemi tempo” può coinvolgere fino ad otto bambini contemporaneamente, ma la cooperativa prevede di ampliare questo numero a dodici entro il 2024. Attualmente l’offerta, già accreditata dall’Opera Nazionale Montessori, rientra tra i servizi di tate familiari riconosciuti dalla Valle d’Aosta ed è perciò possibile accedervi secondo i criteri ISEE stabiliti dalla legge regionale. “Non volevamo che la nostra proposta, inizialmente di natura privata, continuasse ad essere percepita come elitaria – racconta Monia, – il nostro desiderio è sempre stato quello di rendere il servizio accessibile a tutte le famiglie”.

Il metodo Montessori, su cui si fonda il progetto, si concentra sull’osservazione dell’essere umano durante il suo sviluppo e offre un’ampia visione dell’educazione intesa come aiuto alla vita. Indipendenza, emozioni e unicità sono i concetti fondamentali del metodo abbracciato delle tate che aiutano i bambini “a fare da soli”. Il servizio è disponibile durante tutto l’anno e prevede “l’ambientamento” di un bambino alla volta.

Le famiglie interessate sono invitate a scoprire da vicino questa realtà, visitando di persona la struttura per scoprire i principi e le risorse del metodo Montessori e il progetto “Datemi tempo” al quale si affianca poi quello della “Casa dei bambini”, un’offerta privata rivolta ai bambini dai 3 ai 6 anni.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito della cooperativa e sulla pagina Facebook dedicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte