Pubbliredazionali di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 28 Luglio 2020 11:25

Scultura dal vivo, degustazioni e mostre. L’artigianato di tradizione vive nell’estate aostana

Aosta - Venerdì 31 luglio torna, in piazza Arco di Augusto, l’appuntamento con “Scultura dal vivo: la mémoire d’une pandémie”, una “tre giorni” per vedere gli scultori professionisti tradurre in scultura le sensazioni vissute nel periodo d’emergenza.

Artigianato - eventi estivi 2020

Ripartire dall’artigianato, quindi dalle certezze, la cultura e la sensibilità che la tradizione porta con sé, per non dimenticare i momenti difficili di questo inizio 2020 e, anzi, trovare la forza di raccontarli e andare avanti.

Dopo il primo appuntamento, dal 24 al 26 luglio, torna ad Aosta la manifestazione “Scultura dal vivo: la mémoire d’une pandémie” – organizzata dall’Assessorato delle Finanze, Attività produttive e Artigianato in collaborazione con l’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, che vedrà alternarsi in piazza Arco d’Augusto otto scultori professionisti invitati a fornire una loro interpretazione creativa che racconti la pandemia attraverso la scultura.

Venerdì 31 luglio, dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 20, a scolpire le proprie opere di fronte al pubblico saranno Sebastiano Yon, Simone Allione e Ornella Crétaz. Il giorno dopo, sabato 1° agosto, con gli stessi orari, a tradurre in scultura le sensazioni vissute durante la pandemia saranno invece Ornella Crétaz e Manuel Baravex e, infine, la chiusura di domenica 2 agosto saranno protagonisti Dario Cquillard, Enrico Massetto e Robert Cavorsin.

Non solo, l’appuntamento con gli scultori tornerà il 21, 22 e 23 agosto, quando di fronte all’Arco di Augusto si potrà ammirare il lavoro di Sebastiano Yon, Simone Allione, Manuel Baravex, Robert Cavorsin e Dario Coquillard.

All’evento, si legherà anche – in un dialogo fitto fondato sulla tradizione – la promozione dei prodotti enogastronomici tipici della Valle d’Aosta, attraverso le degustazioni narrate delle diverse filiere di produzioni DOP, DOC e PAT proposte dall’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali. Le degustazioni, su prenotazione, saranno gratuite e sono in programma tutti i fine settimana alle 17.30, 18.30 e 19.30.

Nel corso della manifestazione sarà, inoltre, presente un gruppo di guide turistiche valdostane che condurrà, su prenotazione alle 15.30, alle 16.30 e alle 17.30,  i visitatori alla scoperta di un’insolita Aosta, tra artigianato, incontri, cultura e sapori. L’iniziativa è promossa, tramite Adava, dal Comune di Aosta e dall’Assessorato del Turismo. Per prenotazioni telefonare all’office du Tourisme 0165/236627 oppure tramite App VdAEvents.

Non solo scultura dal vivo, la tradizione si mette in mostra

Parallelamente, l’Assessorato ha organizzato un triplo appuntamento alla scoperta delle imprese delle diverse categorie dell’artigianato di tradizione. Con “Artisanat en Place”, infatti sarà possibile vivere e conoscere la passione e la qualità di chi tiene viva la cultura dell’artigianato, grazie ad uno spazio espositivo nel quale – nelle domeniche del 2 e 23 agosto, dalle 10 alle 19 – gli artigiani potranno esporre e vendere i propri manufatti nel sottoportico del Municipio di Aosta.

Infine, l’omaggio ad uno dei veterani della Fiera di Sant’Orso: dedicata a Livio Charbonnier, la mostraPa de bride, pa de poussa”, in programma dal 21 agosto al 31 dicembre nelle sale espositive della collegiata dei Santi Orso e Pietro di Aosta, vuole celebrare l’infaticabile lavoro del noto artigiano valdostano con oltre 100 opere che raccontano le passate 50 edizione della Mostra-concorso nelle categorie “intaglio” e “attrezzi e oggetti per l’agricoltura”.

La mostra – ad ingresso gratuito – sarà visitabile con i seguenti orari: ore 10 visita guidata, dalle 14 alle 18 (agosto – settembre) e dalle 14 alle 17 (ottobre – novembre – dicembre).

Per la prima volta la Mostra-concorso dell’artigianato valdostano di tradizione si presenta al pubblico in versione digitale, raccogliendo in un portale internet dedicato a tutte le opere dell’edizione 2020. Il sito, pubblicato sull’homepage della Regione, consente la visione delle opere selezionate dalla giuria (sia le opere ammesse all’esposizione che le opere vincitrici), le schede degli artigiani che hanno partecipato, le informazioni sull’evento, una breve introduzione sulla valle d’Aosta e in particolare sugli atout culturali di Aosta.

Home Page Artigianato

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>