Il reparto di Oncologia del “Parini” ha un impianto di filodiffusione per la musica

L’impianto è stato acquistato grazie ad una raccolta fondi della famiglia e dei colleghi di Anna Nicoletta, infermiera che ha prestato servizio per molti anni in Terapia Intensiva, morta a 63 anni nel 2021. L'équipe del reparto ha creato una playlist con cantautori, gruppi storici, brani evergreen e colonne sonore famose.
Sanità

Il Reparto di Oncologia dell’ospedale “Parini” di Aosta ha un suo impianto di filodiffusione attivo nel corridoio del reparto, nelle tre stanze dei pazienti del day hospital oncologico, nella sala prelievi e nella zona degli ambulatori di oncologia siti al terzo piano.

L’impianto – spiega una nota Usl – è stato acquistato grazie a una raccolta fondi della famiglia e dei colleghi di Anna Nicoletta, infermiera che ha prestato servizio per molti anni in Terapia Intensiva, morta a 63 anni nella primavera del 2021.

Da molto tempo volevamo dotare questo reparto della filodiffusione – spiega la dottoressa Marina Schena, direttrice della struttura di Oncologia ed Ematologia oncologica a nome di tutto il personale – perché, come dice Oliver Sacks (medico, scrittore e divulgatore scientifico), la musica è il più completo farmaco non chimico. L’équipe infermieristica ha creato una playlist con musiche che possano soddisfare tutti i gusti e tutte le età: cantautori, gruppi storici, brani evergreen e colonne sonore famose”.

“Il paziente oncologico è al centro del nostro lavoro – ha spiegato invece il coordinatore infermieristico del reparto, Gianluca Del Vescovo durante la breve cerimonia di inaugurazione ed avvio dell’impianto –. Nostro dovere è accoglierlo nel migliore dei modi; gli ambienti, il personale, le nostre azioni devono tendere sempre all’umanizzazione completa del reparto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sanità
Sanità
Sanità

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte