Il Servizio Trasfusionale di Aosta ha contribuito ad una ricerca sulla rivista “Blood Transfusion”

Il dottor Pierluigi Berti, Direttore di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Usl, è infatti fra gli ideatori ed autori dello studio “A nationwide survey of clinical use of blood in Italy”, appena pubblicato su una delle maggiori riviste internazionali di Medicina Trasfusionale.
USL
Sanità

Il Servizio Trasfusionale di Aosta ha contribuito a una ricerca pubblicata su una delle maggiori riviste internazionali di Medicina Trasfusionale.

Il dottor Pierluigi Berti, Direttore della Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda Usl Valle d’Aosta, è infatti fra gli ideatori ed autori dello studioA nationwide survey of clinical use of blood in Italy”, appena pubblicato sulla rivistaBlood Transfusion”.

In Italia – spiega l’Azienda –, come in molti paesi sviluppati, si osserva da qualche anno un progressivo calo nell’utilizzo di sangue e di emocomponenti, in particolare di globuli rossi, ma le cause di questo fenomeno non erano state ancora approfonditamente studiate.

Per questo motivo, è stato progettato un sondaggio a livello nazionale per determinare le caratteristiche principali dei pazienti trasfusi, e ottenere una rappresentazione oggettiva dell’utilizzo clinico del sangue.

I dati sono stati raccolti in un giorno indice attraverso un modulo di segnalazione online, registrando le informazioni sul numero e area geografica della struttura rispondente, caratteristiche dei riceventi e indicazioni cliniche per ciascuna unità di globuli rossi, piastrine e plasma trasfuso in un periodo di 24 ore.

I dati rappresentano il 64,5% delle strutture trasfusionali. Complessivamente, sono state analizzate 6.309 unità di globuli rossi trasfusi a 3.850 riceventi, di cui il 66,7% per un’indicazione medica e il 32,4% per un’indicazione chirurgica.

La più comune indicazione medica è stata l’anemia acquisita non correlata al cancro e più del 30% delle trasfusioni sono avvenute in Pronto Soccorso. Sono state anche studiate 560 trasfusioni di piastrine somministrate a 520 riceventi, di cui il 62,7% per profilassi e 28,6% per sanguinamento prima o durante una procedura o un intervento chirurgico invasivo o per trombocitopenia. 194 pazienti hanno ricevuto 654 unità di plasma, di cui il 71,1% a scopo terapeutico in pazienti emorragici.

Il quadro dell’epidemiologia trasfusionale in Italia che si è potuto delineare con questo studio, assai ricco di dati e spunti di approfondimento, potrà anche orientare su dati più solidi i futuri piani di “Patient Blood Management”, che dovrebbero essere focalizzati maggiormente sull’anemia di tipo medico soprattutto nell’ambito del Pronto Soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sanità
Sanità