Bocciato con sette materie insufficienti, studente “promosso” dal Tar

Lo studente di una scuola media valdostana era stato bocciato nel 2022 al termine della classe prima. Il Tar conferma, con sentenza di ieri, la promozione. La motivazione: un anno scolastico è troppo breve per poter affermare che le carenze o lacune dello studente non possano essere successivamente recuperate. 
Scuola
Scuola

Sempre più genitori dicono “No” alla bocciatura a scuola dei propri figli. E così anche in Valle d’Aosta fioccano i ricorsi davanti al Tar. Quest’anno sono già due i giudizi promossi, che verranno definiti nei prossimi giorni.
Nel frattempo è di ieri la sentenza con cui i giudici danno ragione ai genitori di un ragazzino di una scuola media valdostana bocciato al termine della prima classe.
L’alunno, nonostante non avesse nell’anno scolastico 2021/2022 conseguito “livelli minimi di apprendimento” in sette materie, era stato ammesso dai giudici alla classe seconda, dopo l’istanza cautelare.

I giudici nella sentenza ricordano come già nel 2017 una circolare del Ministero dell’istruzione ha affermato che “l’ammissione alle classi seconda e terza di scuola secondaria di primo grado è disposta, in via generale, anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline. Pertanto l’alunno viene ammesso alla classe successiva anche se in sede di scrutinio finale viene attribuita una valutazione con voto inferiore a 6/10 in una o più discipline da riportare sul documento di valutazione”.

La successiva giurisprudenza amministrativa ha evidenziato come per la non ammissione alla classe successiva o all’esame conclusivo del primo ciclo sia necessaria un’adeguata motivazione implicante “l’esame predittivo e ragionato delle possibilità di recupero in più ampio periodo scolastico” e la valutazione “del livello di apprendimento raggiunto anche nei periodi immediatamente precedenti a quello nel quale si sono registrate le carenze eventualmente da recuperare”. In sostanza un anno scolastico è troppo breve per poter affermare che le carenze o lacune dello studente non possano essere successivamente recuperate.

La decisione del consiglio di classe di bocciare il ragazzo, sia per le sette materie insufficienti (6 con 5/10 e una con 4/10) che per le “notevoli difficoltà e lacune nelle abilità di base” non era stata secondo i giudici accompagnata da una adeguata motivazione. “Peraltro, anche lo stesso assetto dei risultati conseguiti ed indicati nel verbale del Consiglio di classe restituisce una griglia di voti in un solo caso inferiore al “cinque” suggerendo – in linea con le esigenze di una corretta istruttoria – all’intimata amministrazione una verifica più ampia, sul versante temporale, che facesse riferimento unitario e complessivo a periodi più estesi rispetto al singolo anno scolastico anche in ragione della mancata attuazione delle misure di recupero necessarie alla luce della specifica situazione dell’alunno”.

Da qui l’accoglimento del ricorso e l’annullamento della bocciatura dello studente, con la conseguente conferma dell’ammissione alla classe successiva.

Sono invece relativi a due studenti delle superiori gli altri due ricorsi pendenti, che verranno discussi nell’udienza del 5 settembre. In un caso i genitori si oppongono alla mancata ammissione del figlio all’esame di maturità e nell’altro alla non ammissione alla classe successiva di una scuola secondaria di secondo grado.

9 risposte

  1. Solo sette materie?! E perché dovrebbero bocciarlo? Avrebbe un futuro assicurato nella nostra illuminata politica italiana.
    Ps. Salvo altri problemi che non si evincono dall’articolo.

  2. A quali anni ti riferisci? Credo a moltissimo tempo fa, perché nel 2004 è stato abolito il servizio militare obbligatorio e dal 22/08/2007 esiste l’obbligo di istruzione fino ai 16 anni. Sicuramente il caso di cui parli è importante per capire che esistono persone che hanno difficoltà, ed è ovvio che devono ricevere tutti gli aiuti possibili, ma in questo articolo si parla di altro…

  3. Ma vergognatevi, voi genitori che proteggete sempre e comunque i vostri “pargoletti”, credendo sempre che siano i migliori, che siano perennemente perseguitati da insegnanti e, in futuro, da tutto il mondo! Capisco tutto, ma difenderli dalle loro piccole responsabilità no!Ne state facendo dei piccoli irresponsabili, incapaci di affrontare le difficoltà della normale vita che inesorabilmente vivranno, gli state facendo del male…a loro e a coloro che si interfacceranno con loro. Ma a voi “bravi genitori”, che vi frega? Basta che il pargolo non risulti mai “bocciato”, ripetente… Bravi, continuate così, ma poi non stupitevi se i vostri “pargoli’ finiscono col farsi, e fare, male, “tanto risolvono mamma e papà”. Ed io, come moltissimi altri che magari non lo dicono apertamente, sono veramente stanca di subire gli effetti della vostra non-educazione. Li crescete così? Ok, teneteveli in casa, finché non impareranno che vivere in una società richiede delle regole, e il rispetto comune delle stesse!

  4. T.S., fu bocciato 5 volte (alle scuole medie)! Gli era arrivata la cartolina per partire militare e faceva ancora la terza media. Gli insegnanti si erano accaniti contro sto povero ragazzino, già povero di famiglia, non si accorsero nemmeno che aveva dei limiti nell’ apprendimento scolastico. Ma i limiti erano dei professori. Tommaso infine fa il muratore e 8 anni di scuola media gli sono serviti per conoscere la violenza subdola di alcuni insegnanti.

  5. Non conosco il caso specifico e non esprimo giudizi in merito però mi sento di dire che questa tendenza a voler promuovere tutti sempre e comunque non va bene. Ci sono livelli al di sotto dei quali non si può andare per il bene dei ragazzi stessi… credo che un intero consiglio di classe, che ha seguito lo studente per un anno intero, sia in grado di decidere se un ragazzo ha le competenze per andare avanti o no. Sindacati della scuola, forse è ora di farsi sentire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte