A Brissogne e Jovencan contributi per interventi di protezione civile

Ci sono anche Brissogne e Jovencan fra i 58 comuni piemontesi e valdostani a cui la Fondazione Crt ha destinato  660.000 euro per le attività di Protezione civile e salvaguardia del territorio.
foto d'archivio
Società

Ci sono anche Brissogne e Jovencan fra i 58 comuni piemontesi e valdostani a cui la Fondazione Crt ha destinato  660.000 euro per le attività di Protezione civile e salvaguardia del territorio. Le risorse, assegnate ai Comuni con meno di 3.000 abitanti, sono destinate agli interventi di tutela del suolo e di riassetto idrogeologico: in particolare, opere di messa in sicurezza e mitigazione dei rischi naturali quali alluvioni, frane, smottamenti, incendi, ripristino dell’alveo dei corsi d’acqua, difesa e consolidamento dei versanti dei fiumi, azioni di prevenzione degli incendi.

“Per contribuire alla prevenzione di eventi naturali avversi, sempre più frequenti, sosteniamo i Comuni nella fondamentale attività di messa in sicurezza del territorio – afferma il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Di fronte alla perdurante contrazione di risorse pubbliche, contribuiamo con risorse private a realizzare obiettivi di interesse generale, attraverso i necessari interventi di tutela del suolo e protezione civile”.

Le richieste di contributi fino a 20.000 euro per ciascun intervento sono state valutate in base alla priorità e alla rilevanza per il territorio, in considerazione del suo grado di vulnerabilità e dei possibili danni alle persone, all’ambiente, agli edifici e alle infrastrutture derivanti da eventi catastrofici. Altri criteri di selezione hanno riguardato l’adozione di tecniche di ingegneria naturalistica nelle opere da realizzare, il coinvolgimento delle associazioni di volontariato nell’ambito della Protezione civile, il ricorso a iniziative come le borse lavoro per favorire l’impiego dei giovani e delle persone in condizione di disagio socio-economico.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati