A Palermo una ditta di pompe funebri tarocca la campagna antialcool della Regione Valle d’Aosta

La campagna per sensibilizzare i giovani a non abusare dell'alcol è diventata la pubblicità dì una agenzia di pompe funebri di Palermo. Nel capoluogo siciliano sono comparsi gli stessi manifesti con logo e slogan modificati.
Il manifesto della campagna dell'Assessorato regionale alla Sanità
Società

La campagna contro l'abuso di sostanze alcoliche dell'Assessorato regionale alla Sanità aveva già fatto parlare di sé grazie ad uno slogan e ad l'immagine graffiante «Se bevi e guidi muori. O forse no» è il messaggio scelto per colpire a livello emotivo i valdostani. La fotografia ritrae un giovane su una carrozzina che, con alcuni fiori in mano, piange sulla tomba di un amico o di una ragazza che – lo si desume – sono morti nello stesso incidente che ha gravemente colpito anche il protagonista.

La stessa immagine deve aver colpito, oltre ai giovani valdostani, anche una agenzia di pompe funebri di Palermo, ad oltre mille chilometri di distanza. Sulle strade del capoluogo siciliano sono comparsi gli stessi manifesti, con una scritta diversa che recita«Tu puoi scegliere Noi ti aspettiamo il più tardi possibile» e il logo della ditta di pompe funebri Nunzio Trinca.

La pubblicità ha incuriosito i cittadini palermitani ed ha richiamato l'attenzione dell'edizione locale di Repubblica che ha intervistato il titolare della ditta. E così si è scoperto che le intenzioni nobili dell'agenzia nascondevano un plagio dell'idea e della campagna della Regione Valle d'Aosta.

I diretti interessati hanno quindi contattato Trinca per chiedere l'immediata rimozione dei manifesti. «Ho già chiamato l'ufficio affissioni del Comune di Palermo che sta già provvedendo alla cosa con priorità urgente» ha dichiarato al sito Aostaoggi Nunzio Trinca. «Le immagini – si è difeso Trinca – le ho trovate senza il logo e il marchio di appartenenza su un blog di un amico. Ho chiesto se potevo utilizzarle e lui ha detto di sì".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte