Ad Aosta un sostegno in più per le donne vittime di violenza

Il capoluogo regionale è uno dei territori pilota istituiti nell'ambito della Rete nazionale Antiviolenza. Questo pomeriggio si è svolto un incontro su questo tema, alla presenza di Maria Gabriella Colombi, della Presidenza del Consiglio dei ministri.
Municipio di Aosta
Società
Purtroppo quello della violenza contro le donne è un tema sul quale occorre mantenere una vigilanza continua, come confermano i dati periodicamente diffusi dalle Forze dell’Ordine. Lo scorso aprile, a Roma, è stato firmato un protocollo di intesa che istituisce la Rete nazionale Antiviolenza in venti città italiane. Anche Aosta ha aderito a questo circuito, diventando uno dei “territori pilota” dove sarà avviata la sperimentazione di nuove pratiche tese a contrastare questo fenomeno. Nella sala del consiglio comunale, questo pomeriggio, si è tenuto un incontro tra Maria Gabriella Colombi, dirigente del servizio affari sociali del dipartimento per i diritti e le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, e i rappresentanti del Gruppo regionale interistituzionale per il disagio femminile, ovvero tutti i soggetti locali interessati al fenomeno della violenza verso le donne.

Il protocollo firmato a Roma prevede l’attivazione, a titolo sperimentale, di un numero verde, “1522”, attivo su tutto il territorio nazionale. Ad Aosta, come negli altri territori pilota, questo servizio sarà abbinato a un intervento più approfondito, con la presa in carico diretta delle chiamate, e il loro trasferimento agli enti che, sul territorio, si occupano di questo tipo di disagio. In particolare, è stato valorizzato il ruolo del Centro “Donne contro la violenza”.

Il protocollo – ha commentato l’assessore Giuliana Ferrerorichiama il Comune di Aosta ad un nuovo ruolo rispetto al contrasto alla violenza contro le donne e quindi ad un supporto attivo della Rete antiviolenza locale”.
Anche sul portale internet di “Arianna”, www.antiviolenzadonna.it, è stata messa in evidenza l’adesione del comune di Aosta alla Rete nazionale e la rete dei servizi disponibile sul nostro territorio. All’interno del sito è presente, inoltre, una sezione riservata, destinata agli operatori dei centri e delle reti antiviolenza locali dei territori pilota.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società